Altri Sport

Nella Vela Davide può ancora sconfiggere Golia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-07-2013 - Ore 18:52

|
Nella Vela Davide può ancora sconfiggere Golia

Nella giornata d’esordio del Campionato Italiano Assoluto Vela d’Altura di ieri mercoledì 24 a Marina di Ravenna il vento ha fatto qualche capriccio prima di stabilizzarsi sui 9 nodi con vento da Est/Sud-Est, che ha permesso al comitato di regata presieduto da Pietro Lo Giudice alle 14.35 di dare la partenza ad una  giornata in mare che si è conclusa solo nel tardo pomeriggio, quando la seconda prova (se ne dovrebbero sostenere tre al giorno) è stata annullata  per mancanza di vento.

Nel gruppo A (le 27 barche più grandi) si è realizzato un vero evento che dimostra come in mare l’uomo e il mare insieme valgano più dei mille accorgimenti tecnologici che la vela moderna mette a disposizione degli armatori più ricchi.

Sin dalla partenza della prima prova sembrava si iniziasse a suonare il leit motiv che tutti si aspettavano, con una lotta ravvicinata tra i due TP52 Aniene e Hurakan, rispettivamente vice e campione del mondo, che al primo cancello di poppa hanno staccato Altair e Airis.

L’equipaggio di Airis, il GP42 (ben 10 piedi più piccolo di Aniene e Hurakan) timonato da Roberto Monti, nella seconda bolina, anziché mettersi ad inseguire i mostri  sacri che lo precedevano, ha letto il campo di regata scegliendo poi il lato destro, vincendo al calcolo dei compensi la prima prova del gruppo A, seguito da Hurakan in seconda posizione e da Aniene in terza. Nulla di strano invece per il gruppo B, dove l’Nm 38 (barca costrita a Fiumicino) Scugnizza del pluri-iridato Vincenzo De Blasio, è al comando della classifica provvisoria davanti a Pazza Idea 4 di Pierluigi Bresciani e da Low Noise di Giuseppe Giuffrè.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom