Altri Sport

SCHUMACHER sempre in coma, seconda operazione nella notte. TODT e BROWN a Grenoble

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-12-2013 - Ore 11:22

|
SCHUMACHER sempre in coma, seconda operazione nella notte. TODT e BROWN a Grenoble

I medici dell'ospedale di Grenoble hanno emesso il secondo bollettino su Schumacher, sempre ricoverato per il trauma cranico riportato in seguito a una caduta sugli sci a Meribel: "La situazione resta critica, Schumacher è stato operato questa notte per rimuovere un edema importante bilaterale e viene mantenuto in coma farmacologico per evitare l’aumento della pressione interna. Non si può dire che cosa succederà, né quando si potrà sciogliere la prognosi, né fino a quando resta in coma, né se resteranno delle lesioni a livello cerebrale. Lo stato di coma farmacologico serve per evitare tutti gli stimoli. Lo shock da caduta pur con il casco protettivo è stato importante: senza il casco non sarebbe arrivato vivo. Non possiamo pronunciarci sulle possibilità di sopravvivenza, per il momento non sono previsti altri interventi, Schumacher non sarà trasportato altrove, seguiamo la situazione ora per ora, ci sono delle lesioni cerebrali".

Ansia e paura per Michael Schumacher, sempre ricoverato in coma all'ospedale di Grenoble in condizioni critiche dopo la caduta sugli sci riportata ieri sulle nevi di Meribel, in Francia. Il sette volte iridato di F.1 è stato operato ieri sera per un trauma cranico rimediato nell'urto contro le rocce mentre stava sciando fuori pista - pare in una zona vietata -. Secondo la Bild, il pilota sarebbe stato sottoposto nella notte a una seconda operazione, con i medici che hanno praticato dei fori nel cranio per alleggerire la pressione sul cervello, perché la situazione sarebbe peggiorata. Il quadro resta critico per l'emorragia cerebrale che, nonostante il casco indossato dal campione al momento dell'impatto, si è verificata, rendendo necessario l'intervento chirurgico.

Todt e Brawn a Grenoble — Nella notte sono arrivati all'ospedale di Grenoble anche Jean Todt, suo amico nonché la mente dei suoi successi in Ferrari, e Ross Brawn, che ha avuto Michael alle sue dipendenze non solo a Maranello, ma anche in Mercedes, nella sua ultima avventura in F.1. Con il pilota ci sono anche la moglie Corinna e i figli , uno dei quali, Mick, era con lui al momento dell'incidente sulle nevi. Al suo capezzale, c'è anche il professor Gerard Saillant, amico del tedesco e uno dei massimi esperti dei traumi al cervello: il chirurgo ha già operato Schumacher dopo l’incidente di Silverstone del 1999. La polizia di Meribel ha anche aperto un'inchiesta sull'incidente.

Il campione - Schumacher ha vinto sette titoli mondiali in F.1, con 91 vittorie in 19 anni di carriera. Due titoli li ha vinti con la Benetton (1994 e 1995), poi altri 5, di fila, con la Ferrari a partire dal 2000. Ritiratosi nel 2006, Schumacher è poi tornato in pista nel 2010 con la Mercedes, conquistando solo un podio in tre stagioni. Alla fine del 2012 ha definitivamente lasciato la F.1.

Fonte: Gazzetta.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom