Breaking News

55 SECONDI. La presentazione con Luca Di Bartolomei

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-07-2014 - Ore 19:15

|
55 SECONDI. La presentazione con Luca Di Bartolomei

C'erano Luca Di Bartlomei, Antonio Bongi, Ettore Viola... C'era la Roma. Più che una presentazione, è stato un dialogo tra romanisti. In una delle case più romaniste che esistono, cioè la sede dell’UTR. Dove ieri si parlava di "55 secondi", il libro di Tonino Cagnucci e Paolo Castellani dedicato alla finale di Coppa Campioni del 30 maggio 1984 tra Roma e Liverpool. Un dialogo il cui protagonista principale è stato proprio il libro e le tante cose che vuole dire ai tifosi della Roma. Una di queste, l’ha raccontata Antonio Bongi, storico capo della Curva Sud, svelando come nacque il coro "Ago-Ago-Ago-Agostino gol". È una delle tante scoperte che si fanno in questo libro, perché nella finale di Coppa Campioni che proprio il Liverpool vinse all’Olimpico contro il Borussia Moenchegladbach nel 1977, i tifosi romanisti stavano insieme ai tifosi del Liverpool, che facevano un coro simile per un loro giocatore. Poi Gabriele Pescatore, il più grande collezionista di cose romaniste, al quel è bastato paragonare la produzione musicale inglese e di Liverpool in particolare (Beatles, ovviamente) con quella italiana di quegli anni per capire come sarebbe andata a finire... «Ma non è finita. Quella partita non è finita, noi romanisti la stiamo ancora giocando e un giorno la vinceremo anche grazie a ciò che insegna questo libro» dice il nostro Luca Pelosi.

 Ospite d’eccezione, Luca Di Bartolomei. Da lui arrivano le parole più importanti, dopo aver notato come quello, il 1984, non fosse un periodo affatto facile per l’Italia e per la società in particolare. Ma la Roma era un qualcosa di bello in un mondo che aveva tante cose brutte. «Questo libro è un gioiello - dice Luca - è il racconto di due bambini innamorati della Roma e del calcio.Tanti valori della vita li ho ritrovati in queste pagine. Spero che Tonino voglia continuare a raccontare ancora con i suoi occhi». Luca Di Bartolomei ha poi ricordato la morte di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli che ha perso la vita dopo una lunga agonia in seguito ai fatti che hanno preceduto la finale di Coppa Italia. «Sono rimasto molto colpito dalle parole della mamma di Ciro e dai valori che ha espresso. Questi valori li ho ritrovati in questo libro. Valori di vita». 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom