Breaking News

Barillari (M5S): Stadio? Prima gli interessi dei cittadini. No alle Olimpiadi, soldi non andrebbero alla città ma in poche tasche. Tra domani e dopodomani il nuovo assessore al Bilancio"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-09-2016 - Ore 16:00

|
Barillari (M5S): Stadio? Prima gli interessi dei cittadini. No alle Olimpiadi, soldi non andrebbero alla città ma in poche tasche. Tra domani e dopodomani il nuovo assessore al Bilancio

(Francesca Ceci) Le sue dichiarazioni su possibili arresti legati al progetto del nuovo Stadio della Roma a Tor Di Valle, hanno fatto il giro delle maggiori testate italiane e del web. Stiamo parlando del Consigliere del M5S Davide Barillari che si è concesso ai microfoni di Insideroma, parlando della questione stadio ma anche della bufera mediatica che ha investito il Movimento mentre in settimana si attende il no della Raggi alle Olimpiadi che lo stesso consigliere conferma nel corso dell'intervista.


Consigliere, le sue dichiarazioni sono state piuttosto nette, ha parlato di avvoltoi, arresti e società mafiose di Roma. In pratica, lei parla di un "sistema" che, senza nascondere la testa sotto la sabbia, agisce a livello nazionale e non solo a Roma. Questo in linea generale, e nello specifico, c'è qualcosa, in particolare, che non la convince? Cos' è che ha fatto scattare il campanello d'allarme?
La mia, nostra preoccupazione è segno di attenzione e riguarda ovviamente tutte le grandi opere che si fanno in Italia e quello che spesso c'è dietro. Il nostro modus operandi è quello di rispondere a dei criteri chiari di trasparenza e appena qualcosa non ci torna scatta il campanello d'allarme. Nello specifico di Roma, i cittadini hanno scelto il Movimento 5 Stelle e, a maggior ragione, ci sentiamo chiamati a vigilare sul progetto dello stadio perchè riguarda tutti gli abitanti e per noi, in qualsiasi progetto, vengono prima gli interessi dei cittadini.


La prossima settimana arriverà il no della Raggi sulla candidatura di Roma alle Olimpiadi. La sua posizione e quella del Movimento è irremovibile o siete disposti, in presenza delle dovute garanzie e verifiche, ad aprire uno spiraglio?
Il no per noi è chiaro. Ribadisco, i soldi non vanno alla città, come si vuole far credere, ma finiscono nelle tasche dei soliti noti. Per noi la città ha altre priorità, il nostro obiettivo è quello di rimettere in piedi la Capitale che è rimasta indietro di almeno 20 anni. E poi, non è questione di sport come si vuole far credere, qui è questione di appalti e di personaggi poco trasparenti che non avranno il nostro appoggio. All'inizio non ci prendevano sul serio, erano convinti di vincere a Roma, le cose sono andate diversamente e ora è partito l'attacco mediatico, ci sono settori della finanza e dell'edilizia che spingono, questo è ovvio ma la nostra posizione è nota e chiara fin dall'inizio visto che, tra l'altro, faceva parte del programma sulla base del quale i cittadini romani ci hanno eletto.

Fin qui si è parlato molto di quel che Virginia Raggi non ha fatto. Lei è di Milano ma vive la realtà di Roma: da cittadino, prima ancora che da consigliere, qual è il cambiamento di rotta che, concretamente, ha visto in questi 3 mesi?
E' ancora presto, Virginia si è insediata da appena due mesi, alcuni risultati ci sono ma non si vedono perchè riguardano l'amministrazione capitolina: abbiamo rinunciato a diversi contratti d'affitto risparmiando diversi milioni di euro, stiamo rivedendo alcune figure interne, siamo partiti dalla messa in sicurezza dell'amministrazione che non è passaggio secondario. Magari meno visibile ai cittadini in prima battuta che però ai cittadini porterà benifici concreti andando a incidere sulla vita di tutta la città.


Se le dico spaccatura all'interno del Movimento, lei cosa risponde?
Non neghiamo gli errori, servono per migliorare e sbagliare sempre meno. Andiamo avanti uniti, con Virginia, già domani o dopodomani sarà nominato il nuovo Assessore al Bilancio, non capisco questo catastrofismo, Roma non è una città facile da amministrare, lo sapevamo e lo stiamo facendo. 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom