Breaking News

ABETE: "Coppa Italia? Situazione difficile da gestire"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-05-2014 - Ore 12:03

|
ABETE:

E’ stata una serata molto difficile perche’ le notizie, in particolare prima dell’inizio della gara, si sono rincorse ed erano contrastanti fra di loro. Onestamente era difficile comprendere quello che era avvenuto. C’erano delle situazioni collegate a un fatto emotivo. Tutto quanto accaduto mi ha ricordato una partita di alcuni anni or sono, con tutta una tensione emotiva che cresceva e che poi era difficile governare”. Cosi’ il presidente della Figc Giancarlo Abete al termine del match valevole per la finale di Coppa Italia fra Fiorentina e Napoli, disputatosi ieri sera allo stadio Olimpico commentando i fatti che hanno caratterizzato il pre partita e che hanno portato anche al ferimento grave di un supporter partenopeo.

La gara fatta partire dopo un consulto fra i due capi tifoserie di Fiorentina e Napoli? Ho sentito di queste situazioni, le ho avvertite anch’io, mi sono state riferite – continua Abete – C’era pero’ da gestire una situazione difficile, anche durante la partita, con di fatto la tifoseria del Napoli che non ha tifato. Da un punto di vista sportivo non c’era nessun tipo di problema che potesse lasciar pensare al fatto che non si giocasse. Gli unici soggetti che, come sempre avviene negli stadi, potevano avere la titolarita’ a non far disputare la partita, erano i responsabili dell’ordine pubblico. Fin dai fischi all’inizio nazionale si e’ capito perfettamente che tipo di tensione, che tipo di problematiche oggi (ieri, ndr) ci fossero”.

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Mi ha dato molto fastidio quello che e’ successo nel pre partita. La cosa piu’ triste e’ che ci si adegui a certe situazioni e che diventi un fatto normale. Io invece non mi rassegno al fatto che certe cose non siano normali. Non e’ normale fischiare l’inno nazionale, non e’ normale trasformare quella che doveva essere una festa, specialmente all’inizio, in un qualcosa di profondamente diverso”. Cosi’ il presidente della Lega serie B Andrea Abodi ha commentato i fatti avenuti prima della finale di Coppa Italia fra Fiorentina e Napoli.

Bisogna reagire di fronte a quanto accaduto – ha aggiunto Abodi – perche’ temo che troppo spesso facciamo da coreografia a queste brutte pagine e poi pensiamo che quando inizia la partita, tutto finisce. Ed invece no, perche’ ci hanno visto milioni di persone in Italia e probabilmente anche all’estero. Ci hanno visto tanti bambini dentro lo stadio, e non soltanto. Se vogliamo costruire un calcio migliore, sicuramente dobbiamo tagliare molti rami secchi perche’ abbiamo bisogno di sentimenti. Il calcio e’ passione pura, e’ socialita’, e quanto accaduto non e’ socialita’”.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom