Breaking News

Antonio Filippini: "Il gap tra Roma e Lazio si è ridotto, derby in bilico"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-11-2016 - Ore 08:41

|
Antonio Filippini:

L'ex della Lazio Antonio Filippini ai microfoni di Radiosei:

È una delle prime tre partite che porto nel mio cuore. Giocare e vincere un derby è un ricordo che porterò sempre con me, qualcosa davvero di eccezionale. Oggi più che allora l’intensità la fa da padrone, nell’ultimo turno Genoa e Lazio lo hanno dimostrato. Se abbinata alla qualità, può consentire ai biancocelesti di fare bene anche nel derby. Rispetto agli altri anni il divario con la Roma si è ridotto. Sono due squadre molto competitive con allenatori preparatissimi. Inzaghi ha dimostrato di poter stare in Serie A. Quando giochi da attaccante poi da allenatore ti aspetti determinate cose, merita un grosso applauso. È riuscito a fare tesoro dei tanti anni passati alla Lazio come giocatore e allenatore delle giovanili. Ne ha tratto certamente vantaggio e i risultati si stanno vedendo. Inzaghi-Spalletti? Entrambi hanno in mano lo spogliatoio, ogni allenatore cerca di stimolare i giocatori al cento per cento. Possono essere giuste comunque entrambe le strade per raggiungere gli obiettivi prefissati. Sarà un bellissimo derby, il risultato è in bilico. Una vittoria sarebbe un punto di partenza, un consolidamento della forza della Lazio. Il campionato infatti è ancora lungo e il terzo posto può essere un obiettivo. Il centrocampo è il reparto più equilibrato. Chi riuscirà ad avere la meglio in questa zona, potrà spuntarla. Anche i tridenti sono forti: hanno velocità e possono giocare sia nello stretto che in profondità. Fanno paura. Giocare il derby con lo stadio pieno è completamento diverso. Spero sia una questione momentanea e che nei prossimi anni si possa tornare al calcio di una volta, quello fatto di passione”.

Fonte: Radiosei

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom