Breaking News

Berdini sullo stadio della Roma: "Io sono contrario, ma rispetto le leggi e guarderò le carte"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-06-2016 - Ore 17:40

|
Berdini sullo stadio della Roma:

A Radio Radicale si è tenuto un incontro tra Paolo Berdini (assessore all'urbanistica della giunta Raggi), Giovanni Caudo (assessore all'urbanistica della giunta Marino), Emanuele Montini (coordinatore nazionale di Italia Nostra) e Fernando Magliaro (cronista de Il Tempo). Gli ospiti hanno discusso sul futuro stadio della Roma con Berdini che ha voluto precisare la sua posizione in merito. Ecco le loro dichiarazioni:

Montini: da subito Italia Nostra è stata contraria allo stadio della Roma. Il Comune può ancora fare qualcosa per bloccare il progetto?
“Già nel 2008 si poteva pensare di trovare un terreno più stabile dove costruire uno stadio. Ma la città va dove l’imprenditore vuole, non dove il pianificatore decide. Quel terreno privato vale 800 euro a metro-quadro, questo regalo è per la città, per i cittadini e per i romanisti? Forse è più una “scusa” fare lo stadio, perché altrimenti la variante non si poteva avere? Ci aspettiamo un Comune che metta paletti su queste cose. Ci sono tante zone degradate della città, se ne potevano scegliere altre. L’esigenza per quel quadrante non è così forte come in altre zone”.

Montini: il Comune può ancora fare qualcosa?
“Il Comune può fare quello che vuole. Si può tornare indietro. Lo stadio è soltanto una minima parte, il 14%. Il costo dell’infrastrutturazione è di 190 milioni di euro, e sono a scomputo degli oneri concessori. I soldi vengono gestiti dal privato”.

Caudo: serve lo stadio?
“Inteso come struttura pubblica sportiva non serve, non era nel nostro piano regolatore. Ma il calcio è cambiato in Europa, e in virtù di questo calcio-business in Italia questa cosa si è tradotta in una norma fatta da Delrio. Siamo la prima amministrazione comunale che ha cancellato 161 ambiti di riserva. I privati hanno chiesto ad Alemanno delle aree, lui le ha selezionate e cancellate quelle inadatte. Alcuni ci hanno detto che ci abbiamo messo troppo a visionare il progetto, altri invece che abbiamo fatto troppo in fretta. Questa non è un’operazione di mala urbanistica. Io avrei detto no allo stadio se non fosse stato progettato su quest’area. Questa non è un’operazione spot, è un’operazione dove il privato ha utilizzato una legge nazionale ma noi l’abbiamo collocata nel bisogno della città. Smettiamola di dire che questa operazione è pagata dal Comune”. 

Berdini: lei ci sta dicendo che tutte le infrastrutture che servono a questa zona privata le paga il pubblico.
“Certo. Io sono contrario. Ci sono a Roma due stadi meravigliosi come l’Olimpico e il Flaminio, ma si dà alla Roma,  sulla base di una legge, la possibilità di fare un altro stadio. Mi dite in quale altra città si dà un milione di metri cubi in cemento per fare uno stadio? Noi abbiamo 13,5 miliardi di deficit, poi ci sono due miliardi accumulati durante i tre anni del sindaco Marino, poi 3,5 miliardi di fondi derivati accesi da Weltroni di cui non si sa nulla. In base ai parametri del governo Monti la città è fallita, e noi parliamo del videogioco-stadio. Questo è un incubo. La linea ferroviaria di Ostia si ferma un giorno si e uno no. Questa è una città fallita e giochiamo su uno stadio che costerà 400 milioni di euro. Dobbiamo spendere 400 milioni di euro, poi quando finisce la fiera e il videogioco chi le gestisce queste opere? Le manutenzioni chi le paga, ad esempio quella del ponte sul Tevere? Chi fa la manutenzione della pista ciclabile? Noi ci stiamo incastrando nella follia dell’urbanistica scellerata. Dobbiamo chiudere questa finestrella o dobbiamo far fallire questa città? Io non sono d’accordo alla realizzazione dello stadio ma, siccome rispetto le leggi, guarderò fino in fondo le carte che già conosco per grandi linee. Per non far fallire la città dobbiamo chiudere il rubinetto della mal urbanistica che ha portato a fondo la città”. 

Berdini: lei cercherà di usare ogni mezzo consentito dalla legge per fermare questo progetto? 
“Ma certo, per tutte le cose che ho detto. Io vivo nella zona di San Paolo da una vita, c’è stato un tempo drammatico quando la linea di Ostia non arrivava a Piramide ma entrava nella tratta della metropolitana. C’erano disservizi di oltre venti minuti. Dopo di che abbiamo costruito due binari nuovi che dalla Magliana arrivano a Piramide. Adesso quelli dei videogiochi ci stanno proponendo che si faccia uno schioccamento della metropolitana verso Ostia, mettendo l’intersezione che abbiamo tolto vent’anni fa. Questa è la Roma del futuro? Io credo che questa città debba avere il coraggio civile di ridiventare Capitale d’Italia. Io non sono contrario alla costruzione dello stadio ma a quella localizzazione. Faremo un grande appello ai costruttori che questa grande città ha, di cercare di creare alternative a quella scellerata localizzazione che porterà soltanto danni alla nostra città”.

Fonte: Radio Radicale

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom