Breaking News

Bovo, Cerci, Graziani & Co. Gli ex di Torino e Roma

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-04-2015 - Ore 17:07

|
Bovo, Cerci, Graziani & Co. Gli ex di Torino e Roma

Come si compete a due squadre dall’importante blasone come Torino e Roma, le due storie calcistiche di capitolini e granata si sono intrecciate nel corso degli anni, così come ad intrecciarsi tra le due squadre sono state le carriere di tantissimi giocatori del passato.

GLI ATTUALI E CERCI - Sono due - uno per parte - i doppi ex attualmente nei roster delle due compagini. Tra i granata, ecco Cesare Bovo: cresciuto nelle giovanili giallorosse, il centrale vince lo scudetto nel 2000 con la Roma, seppur non scenda mai in campo; la prima presenza con i capitolini è datata 2005, dopo l’esperienze con Lecce e Parma, mentre al Toro gioca metà stagione nel 2007, per poi venir acquistato dal club di Cairo nel 2013. Il secondo, invece, è cresciuto nelle giovanili granata ed è poi passato all Juventus in quell’estate del 2005 in cui il Torino fallì, per poi approdare alla Roma solo nel 2012. Un ragionamento a sé, invece, va fatto su Alessio Cerci, prodotto della Primavera giallorossa e protagonista con il Toro di due stagioni, di cui l’ultima da incorniciare, ma che non ha impedito all’esterno mancino di sentire il bisogno di cambiare aria la scorsa estate lasciando il Torino e i suoi tifosi.

IN DIFESA - Sono tanti i doppi ex che in passato hanno vestito entrambe le maglie, e molti di questi sono difensori. Negli anni ’90, come non ricordare Benedetti, il terzino poi divenuto dirigente granata, oppure Annoni, soprannominato Tarzan dalla tifoseria granata, oppure Luigi Garzya, tre stagioni a Torino nei primi anni 2000, dopo aver militato nella Roma tra il ’91 e il ’94. Più recente, invece, Gianluca Comotto, già capitano del Toro in epoca ciminelliana, poi passato ai giallorossi dove però non troverà grande fortuna.

CENTROCAMPO E ATTACCO - Dal recentissimo Matteo Brighi, al Toro fino al gennaio 2014 e cresciuto nelle giovanili giallorosse, al mediano De Vezze, protagonista in granata delle sfortunate annata 2010/2011 e anch’egli cresciuto nella canterà capitolina. Come dimenticarsi, poi di Antonio Comi: dall’82 all’89 al Toro, per poi passare le cinque stagioni successive con la maglia della Roma. Vogliamo chiudere questa rassegna storica - avendo sicuramente tralasciato qualcuno - con quattro bomber molto diversi. I primi due sono Roberto Muzzi e Massimo Marazzina, entrambi arrivati non proprio giovani a Torino, ma entrambi capaci di lasciare un segno positivo nella propria esperienza granata. Il terzo, invece, è Ruggiero Rizzitelli, arrivato al Toro proprio dalla Roma e capace di segnare 30 gol in 60 presenze granata tra ’94 e ’96. L’ultimo, ma non certo per importanza, è Francesco “Ciccio” Graziani, uomo simbolo del settimo scudetto granata insieme al “gemello” Paolo Pulici e dall’83 all’86 militante nella Roma, con cui arrivò in finale di Coppa dei Campioni contro il Liverpool, sbagliando uno dei rigori decisivi.

Fonte: Toronews.net

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom