Breaking News

Calenda (Ag. Fifa): "Nel mondo si parla del grande campionato della Roma"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-12-2013 - Ore 10:12

|
Calenda (Ag. Fifa):

La Roma avrà anche rallentato, ma ciò non toglie che bisogna dar atto alla squadra giallorossa del grande campionato che sta disputando. A inizio stagione nessuno si aspettava una partenza così da parte degli uomini di Garcia. Numeri alla mano la lotta scudetto non è chiusa e in Europa tutti sono accorti del grandissimo salto di qualità fatto rispetto alla scorsa stagione. Ai microfoni di Tele Radio Stereo è intervenuto l'agente Fifa, Roberto Calenda (tra i suoi assistiti anche i giallorossi Maicon e Dodò), queste le sue parole:

"Il campionato è aperto. Per il vertice vedo sempre in corsa Roma e Napoli, che possono ancora insidiare la Juventus. Per il resto sarà lotta incerta, per la quale potrà tornare a essere protagonista anche il Milan, dato troppo presto per spacciato. Il blasone, il saper affrontare sempre le difficoltà, la riscoperta di giocatori come Kakà, mi fanno pensare che i rossoneri non sono tagliati fuori dalla lotta per posizioni di classifica che portano in Europa.

La Roma non è in crisi, io giro il mondo per lavoro e in tutto il mondo si parla della Roma, per quello che sta facendo, per la solidità difensiva. Si ritiene troppo superficialmente che quando si affrontano squadre di medio basso livello si giocheranno partite facili, ma non è così. Il campionato italiano è il più difficile, oggi andare a Bergamo, a Bologna, non significa andare a fare una passeggiata, e non tutte le partite si possono vincere. La Roma sta facendo qualcosa di incredibile.

Nella Roma assisto Maicon e Dodo. Maicon è venuto a Roma con tanta voglia di vincere, lui è un campionissimo, è un'icona del calcio brasiliano, quando va in Nazionale è un trascinatore, anche in mezzo a tanti giocatori fenomenali. Posso dirlo perché l'ho seguito nella trasferta statunitense del Brasile. Dodo è un ragazzo giovanissimo, che sta acquisendo esperienza, la Roma prendendolo ha dimostrato di avere attitudine nell'individuare giocatori di livello. Ha creduto in lui quando era infortunato, sapendo quello una volta superato il rodaggio e recuperato dall'infortunio avrebbe potuto dare. Sta dimostrando ora anche grande attitudine alla fase difensiva.

Che mercato sarà? A parte le solite note che in Europa possono spendere a piacimento, non è un momento florido, la crisi c'è e si sente. Bisogna ingegnarsi per trovare a prezzi bassi calciatori di qualità e prospettiva. La Roma, col suo Direttore sportivo Sabatini, sa farlo".

 

Fonte: Tele Radio Stereo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom