Breaking News

Candela: "Parigi? Ho avuto bisogno di tempo per riprendermi. A Bologna per vincere"

condividi su facebook condividi su twitter Di: Yuri Oggiano 19-11-2015 - Ore 21:09

|
Candela:

Vincent Candel, ex terzino della Roma, ha parlato ai microfoni di Centro Suono Sport

“Non mi piace parlare di cose brutte in generale, intervengo oggi dopo tanti giorni perché ho avuto bisogno di tempo per riprendermi anche per rispetto delle vittime di Parigi. È stata una serata incredibile, che non avrei mai pensato di vivere, ero allo stadio, per ritrovare la mia Francia, per fare il tifo contro la Germania, ero con tanti ex, tanti amici. Durante la partita abbiamo sentito dei boati, ma pensavo fossero dei petardi, sono abituato a certi botti, all’Olimpico ad esempio ne hanno sparati tanti negli anni che giocavo, poi durante la gara abbiamo appreso delle sparatorie e dei vari attentati. Abbiamo visto il presidente Hollande uscire di corsa con una grande protezione e lì ci siamo spaventati, perché abbiamo capito che stava succedendo qualcosa di grave. Appena finita la gara volevamo uscire, hanno fatto uscire un po’ di persone dai cancelli dello stadio, però poi molta gente è rientrata, un caos incredibile, gente che cadeva, io ero ancora dentro e siamo rimasti un’altra ora dentro. Siamo usciti molto tardi, lo stadio era circondato dalla polizia, avevamo una cena prenotata accanto allo stadio, siamo andati lì ma non abbiamo mangiato, non era il caso, fino all’1 e 30, poi abbiamo raggiunto l’albergo vicino allo stadio, siamo entrati alle 2 del mattino nelle nostre camere.È difficile spiegare le emozioni e le sensazioni che ho provato la mattina dopo, non sono un guerrafondaio, al di là della rabbia, c’è il pensiero di dire come andrà a finire questa storia, come finirà il mondo, c’è la paura e l’amore che fanno girare il mondo, io sono per l’amore. Posso dire che a Parigi c’è grande timore, come è normale che sia, ma la gente giustamente esce, vive la propria vita, va a lavorare e cerca con grande dignità di tornare alla normalità. Bologna-Roma? Viste le assenze di Salah e Gervinho, io proporrei Florenzi in attacco e non Iturbe, bisogna andare a Bologna per vincere, non bisogna mettere troppa pressione su Iturbe. Digne? Sono molto impressionato dalla personalità e dalle qualità dimostrate da Digne al suo primo anno in Italia, sono contento che la Roma abbia trovato un giocatore quasi perfetto come l’ex Psg“.

Fonte: Centro Suono Sport

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom