Breaking News

Cervone: "Per Alisson sarebbe meglio il prestito. Ai tifosi dico di avere fede in Spalletti"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-07-2016 - Ore 13:16

|
Cervone:

Giovanni Cervone, ex portiere giallorosso ha parlato a VG Radio, il programma di Vocegiallorossa.it che va in onda su TMW Radio. Ecco le sue considerazioni sulla situazione Roma:

Difesa: con Mario Rui, Vermaelen e  Zabaleta i giallorossi ci guadagnano? 
Come si fa a saperlo ora. Io me lo auguro, sicuramente sono giocatori importanti. Mario Rui viene da due stagioni positive, gli altri due da club importanti. Speriamo tengano il rendimento di queste stagioni”. 

Con l'arrivo di Alisson, se la Roma riscatterà anche Szczesny, farà bene l'alternanza di portieri? 
L'alternanza non fa bene ma avere due portieri di qualità è una buona cosa. I troppi impegni stagionali e qualche problema fisico eventuale rendono necessarie alternative valide anche in porta. Però se la Roma punta sul polacco vuol dire che non sono molto convinti di Alisson".

Quindi darebbe in prestito Alisson? 
Si perché viene da un campionato diverso dal nostro. Ha tutte le qualità per diventare un grande portiere ma deve migliorarsi. Se mantiene le promesse, il prossimo anno punterei sul brasiliano”.

Quanto serve un portiere leader? 
L'anno scorso si è preso Szczesny per farlo giocare e basta. Se un portiere è bravo non serve un'intesa particolare con nessuno”.

Pregi e difetti del brasiliano?
"Non lo conosco bene. Ho visto qualche filmato ma in quelli si vedono solo le cose positive. Qualche errore lo ha fatto in Coppa America, ma dovremo vedere. Bisogna lavorarci sopra e farlo migliorare sulle cose dove è limitato”.

Avere meno aspettative, come quest'anno, può essere un vantaggio?
Il mercato non è ancora finito quindi non possiamo sapere quali sono gli obiettivi della Roma. Per ora non c'è partita con la Juventus, ad oggi abbiamo perso ma non è finita qui. La Roma farà qualcosa sul mercato”.

Cosa pensa della diatriba a Roma sul ruolo di Florenzi?
“I tifosi devono fare i tifosi. Le scelte deve farle l'allenatore e Spalletti è un signor allenatore. Se lui decide di spostare Florenzi più avanti c'è da fidarsi e basta. Tutto quello che fa è per il bene della Roma”.

Un ricordo particolare dell'esperienza in giallorosso?
Ne avrei molti, sicuramente il rapporto con i tifosi che è sempre stato buono. Chi gioca a Roma non se lo scorda mai”.

Fonte: vocegiallorossa.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom