Breaking News

Contro il City sarà dura per la Roma...ma c'è fiducia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-12-2014 - Ore 10:50

|
Contro il City sarà dura per la Roma...ma c'è fiducia

La Roma si presenta al decisivo match di Champions col Man City con un moderato ottimismo. Garcia ripresenterà i migliori, sull'altro fronte out gli assi Aguero e Yaya Tourè.

Tutto sulla Champions. Rudi Garcia la partita con il Sassuolo l’ha messa da parte. Guai a sottolineare le critiche e i presunti errori commessi nelle scelte di formazione. La Roma è concentrata solo sulla sfida decisiva di stasera con il Manchester City e se proprio bisogna analizzare il perché del mancato successo di sabato scorso, allora il tecnico francese preferisce guardare il bicchiere mezzo pieno, con la grande anima della squadra che è stata fantastica nel reagire e recuperare il risultato anche in dieci contro undici. Un modo anche per convincere gli stessi giocatori che quel rischio andava corso, per presentarsi al meglio nella notte decisiva di Champions. Ma è stato davvero un errore fare il turnover, per risparmiare energie in vista del match di coppa, per esempio rischiando dal primo minuto un giocatore ancora non al meglio della condizione come Strootman o rinunciando contemporaneamente al carisma di gente del calibro di Totti, Maicon e Nainggolan e alla capacità di spaccare le difese di Gervinho? La verità è dura da scoprire e controprove non ce ne sono, soprattutto di fronte ad errori imprevedibili. Se è vero che la partita con il City e di conseguenza l’eventuale passaggio agli ottavi contano tantissimo in termini economici e di prestigio, per lo stesso Garcia però, dal punto di vista psicologico, valeva tanto anche riuscire ad accorciare in classifica nei confronti della Juventus, in vista di questo mini-rush finale prima della sosta di Natale. Ma tant’è. Garcia non ha mai rinnegato le sue scelte, figurarsi farlo durante una vigilia così calda. E questa volta, siamo certi, l’undici sarà quello giusto, con tutti i giocatori più in forma sin dal primo minuto. Nessun calcolo anche perché, dando per scontata la sconfitta del CSKA Mosca sul campo del Bayern e la difficoltà di poter programmare uno 0-0, solo una vittoria con il City garantirà agli uomini di Garcia l’accesso alle top 16 d’Europa, facendo dimenticare la delusione dei tifosi e in generale di tutto l’ambiente romanista per l'occasione buttata al vento in campionato di portarsi a -1 dai bianconeri. Viste le premesse iniziali con la Roma in quarta fascia, è un’impresa già potersela giocare, ha detto Garcia in conferenza. In effetti la partita con il City di Pellegrini si presenta comunque difficilissima, nonostante le pesanti assenze in casa Citizens, su tutte quelle di Aguero e Touré. L’allenatore della Roma si è detto dispiaciuto dell’infortunio del ‘Kun’, i top player in gare così dovrebbero sempre essere in campo, ma è chiaro che il vantaggio per i giallorossi è notevole, soprattutto perché Aguero, autore della tripletta che stese il Bayern a fine novembre, nelle ultime settimane era apparso letteralmente imprendibile. E’ normale quindi apprezzare un Garcia disteso, sereno, addirittura con la battuta facile, a poche ore dal fischio d’inizio di un match di fronte ad un Olimpico che sarà quasi tutto esaurito. Le scelte fatte sabato sono ormai il passato, mentre il presente ha tutto per trasmettere fiducia. Anche il pensiero di quello che si è visto nella gara d’andata, con la Roma padrona del campo per lunghi tratti della partita. Certo, allora era un Manchester in difficoltà, diverso da quello che in campionato ha ripreso una discreta marcia sulla scia del Chelsea. Ma senza Aguero e Tourè questo City evidentemente fa meno paura.

Fonte: Goal Italia - Marco Terrenato

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom