Breaking News

De Sisti: "Malcontento dei romanisti per il sorpasso della Lazio è normale ma è tutto aperto"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 13-04-2015 - Ore 13:27

|
De Sisti:

"Questo superamento temporaneo della Lazio provoca scontentezza, è normale", però è tutto aperto, ci sono gare da giocare ed il derby alla fine. Non era previsto che ci fosse questo sorpasso, è normale il disagio dei tifosi. Se i risultati non vengono, o non sono corrisposti dai desideri, anche lì c'è scontentezza". Questo il pensiero di Giancarlo De Sisti, ex giocatore di Roma e Fiorentina.

I tifosi della Roma hanno esposto lo striscione idiots e cantato cori contro Pallotta per non aver fatto ricorso e per le dure parole del presidente giallorosso nei confronti di coloro i quali hanno esposto gli striscioni in riferimento alla madre di Ciro Esposito.

"Se perseguiamo la linea del bene e della giustizia, allora non possiamo entrare nelle discussioni che riguardano questi striscioni. Non sono da condividere, sicuramente: la strada non è questa e la cosa strana non è l'atteggiamento di Pallotta. Che li definisca 'idioti' è un conto, ma la riqualificazione di un rapporto tra nostalgici di un tempo e Roma di oggi, l'ha portata lui. Doveva venire un tizio dall'America per riallacciare un feeling che si era perso, che la stessa società aveva perso nei confronti dei giocatori di un tempo". "La competizione sportiva non deve superare dei limiti. La Sud è una curva intera, tanti che frequentano, la maggioranza, non sono sicuramente d'accordo. La Sud è un orgoglio per tutti, anche per la società: si deve evitare di tornare su certi temi, ci vuole maggior distensione da parte di tutti, senza speculazioni ed attacchi. Pallotta voleva appunto sanare la situazione: si è arrabbiato per questo, ma per principio è giusto non fare ricorso, il modo in cui si è comportato".


Lei sta con Pallotta, par di capire.
"E' un presidente che non pensa solo al futuro, ma pensa anche al passato. Si è ricordato di tanti ex che si sono sentiti anche gratificati. Non parlo solo dei Falcao, del Re di Roma, ma anche di tutti gli altri. Pallotta guarda anche alla storia della squadra, gliene va dato merito".

Fonte: tuttomercatoweb.com

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom