Breaking News

GARCIA a Sportmediaset: "I giocatori di estro devono essere liberi, come Totti. Messi? Preferisco Xavi e Iniesta"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-04-2014 - Ore 16:12

|
GARCIA a Sportmediaset:

Intervistato da 'Sportmediaset' in concomitanza con l'uscita della sua autobiografia, l'allenatore della Roma Rudi Garcia ha toccato diversi temi: dalla sua passione per il calcio ad aspetti più tattici, fino ad arrivare al modello Barcellona.

INFANZIA - "Mio padre mi ha insegnato molte cose sulla vita, ma anche sul calcio. In particolar modo la passione per questo sport. E' lo sport più popolare del mondo e anche quello che unisce di più, indipendentemente dalla classe sociale a cui appartiene una persona".

BUON SENSO - "Quando un giocatore si trova bene con i compagni i risultati si vedono, la gente nota tutto questo e si diverte. In particolar modo in questi momenti di crisi economica il pubblico viene allo stadio per divertirsi e dimenticare i problemi della quotidianità, noi dobbiamo essere consapevoli di tutto questo".

GIOCO - "Per segnare un gol serve talento nel reparto avanzato, quindi è necessario che i giocatori siano un po' più liberi da compiti tattici, sebbene abbiano comunque consegne precise. Poi, comunque, è determinante l'estro del singolo, come ad esempio quello di Totti nel nostro caso".

"XAVI E INIESTA MEGLIO DI MESSI" - "Messi è uno dei più grandi, se non il più grande. Dai suoi piedi nasce la magia, ma io sono uno che pensa al gioco collettivo e ho sempre avuto un debole per i giocatori che giocano per gli altri, che fanno gli assist. Ricordatevi che fino a poco tempo fa c'era la classifica marcatori e non quella degli assist, da poco c'è e per me è più importante quella".

Fonte: Sportmediaset

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom