Breaking News

GILETTI: "Ridicoli i 50.000 euro di multa alla Roma". PISTOCCHI: "Dietro gli scontri motivazioni che vanno oltre il calcio"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 13-05-2014 - Ore 15:02

|
GILETTI:

Il presentatore Rai, Massimo Giletti, è intervenuto nel corso della trasmissione Si gonfia la rete, condotta da Raffaele Auriemma su radio Crc, per commentare il clima di violenza che si è respirato questi giorni nel calcio: "Non è tollerabile recarsi ad una partita come se si dovesse andare in guerra - ha detto- . Gli ultrà non sono dei criminali: anche io andavo allo stadio da ragazzo. Certo, però, non si può tacere su fatti così violenti. Bisogna adottare una linea dura ed evitare che certi episodi avvengano al di fuori dallo stadio. Punire solo con 50.000 delle curve che inneggiano alla violenza è ridicolo, anche perché quei cori, domenica, si sono sentiti benissimo".

Sempre nella stessa trasmissione, è intervenuto anche il giornalista Mediaset, Maurizio Pistocchi: "Quello che è successo a Roma prima della finale di Coppa Italia è molto grave - ha affermato -. Non era mai accaduto prima perché le armi non sono ammesse nella cultura ultrà. Potrebbero esserci dietro delle motivazioni che vanno oltre il calcio. Esiste una minoranza di persone, che non sono tifosi e che usa lo stadio per i propri interessi, per un giro di affari occulto. A Milano, un uomo è stato ridotto in fin di vita per il controllo della curva". 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

giorgio 13/05/2014 - Ore 16:58

Giletti sarebbe più credibile ,se a suo tempo avesse detto queste parole anche nei confronti dei tifosi della juve quando giocano a Torino,oppure quando in curva mandano i bambini per cantare tifosi di mer...contro gli avversari.

chiudi popup Damicom