Breaking News

Presentazione Impatto economico Stadio della Roma, Gandini: "Il progetto stadio è una grande realtà per la Roma"- Florenzi: "Sono orgoglioso della mia società"-Baldissoni: "Una nuova struttura ha anche impatti sui diritti tv" (Foto e Video)

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-11-2016 - Ore 10:25

|
Presentazione Impatto economico Stadio della Roma, Gandini:

DALL’ACQUARIO ROMANO – RICCARDO FILIPPO MANCINI -  Presso l'Acquario Romano è in corso la conferenza di presentazione dello Studio di Impatto Economico e Sociale sul progetto Stadio della Roma - Tor di Valle, prodotto dall'Università Sapienza di Roma. Tra gli altri saranno presenti il preside della Facoltà di Economia - Università Sapienza - Giuseppe Ciccarone ed il team di professori che hanno lavorato allo Studio, oltre ai  rappresentanti dei proponenti del progetto Stadio della Roma - Tor di Valle.

QUI PER LA GALLERY FOTOGRAFICA

QUESTO SOTTO IL VIDEO INTEGRALE

  • 12.00 - L'evento volge al termine.

  • 11.57 Interviene Alessandro Florenzi: "Non parlo dell'infortunio perché non è il luogo adatto. Si parla di una cosa importante, prima di essere un giocatore della Roma, sono orgoglioso di vedere la mia società così attiva su questo punto. Sembra banale, ma darà tanti posti di lavoro e la gente ha voglia di lavorare per salvare la propria famiglia (viene interrotto da un breve applauso), per non parlare del bene economico che porta alla Roma e a Roma. Io vado sul rettangolo verde, la cosa che a me preme è quella di avere uno stadio infuocato, le persone che mi urlano di fare di più per darmi quella forza. Ho giocato in stadi avversari che danno queste sensazioni e non è facile, ho giocato due volte nello stadio della Juventus ed è bello avere i tifosi che ti spingono da vicino. Sembra banale, ma aiutano tantissimo. Ho visto lo stadio della Roma da alcune foto, è veramente bello e sono felice di rappresentare la Roma in questa situazione e spero di giocarci presto, sarà emozionante".
  • 11.50 - Viene mostrato alla stampa un video che riassume i dati legati al progetto stadio
  • 11.27 Prende la parola l'ecomista Ciccarone: "Ci sono tanti colleghi che vogliono ringraziare tutti per il sostegno. Noi non siamo geologi, siamo economisti. Quello di cui ci siamo occupati è strettamente definito nelle nostre competenze. Vi parlo in particolare del lavoro che abbiamo fatto per valutare l'impatto economico e sociale, oltre 600 milioni di euro a carico di privati. Quando si pensa a un investimento privato, ci sono evidenti ripercussioni positive ma comporta anche degli impatti sociali. Pensiamo che sia necessario inserire all'interno del rapporto dei nostri committenti il fatto che si sappia chi siamo e quali temi trattiamo. Quando abbiamo calcolato questi effetti economici e sociali, abbiamo ritenuto importante descrivere la nostra metodologia. Il modello econometrico che abbiamo costruito e utilizzato è stato utlizzato in passato per valutare altri eventi e interventi. Questo è importante, perché c'è in atto un dibattito sulle previsione economiche e a fronte della dichiarazione dei numeri è molto importante sapere ciò che c'è dietro. Siamo pronti a difendere le nostre metodologie in ogni contesto internazionale"
  • 11.24 Interviene il presidente di Eurnova, Luca Parnasi: "La sfida dello stadio è iniziata 4 anni fa, può essere un balzo nel futuro per Roma, che può diventare una Capitale europea. Siamo nella casa dell'architettura, abbiamo un pool di grandissimi architetti, ringrazio tutti coloro che ci hanno aiutato, come imprenditore questa città meriterebbe un progetto all'avanguardia. È un'opera che ha pochi esempi, tra qualche anno vedremo una partita in uno stadio moderno, ci sarà un grande polmone di verde che ricongiungerà la Magliana e il Torrino. Non bisogna avere paura, Roma merita un vero cambiamento e quindi si devono accettare queste sfide e sono orgoglioso di fare parte di questo progetto".
  • 11.22 - Florenzi entra nella sala e viene accolto da un caloroso applauso
  • 11.09 Ecco l'intervento di Baldissoni: "La necessità e l'opportunità di avere una nuova infrastruttura sia divenuto un tema di dibattito quotidiano. Ci sono altri progetti in corso di realizzazione, tipo Cagliari, Frosinone e Pescara, questo perché è diventato fondamentale essere in condizione di costruire una struttura moderna per i canoni internazionali al proprio pubblico. Sarà una struttura in grado di pianificare i ricavi in linea con quelli internazionali. Immaginate che in un mondo di multisala, avere una vecchia sala con i sedili recrinabili e senza dolby non potrebbe competere al giorno d'oggi. I ricavi odierni nel mondo del calcio possono essere riconducibili a tre voci: commerciali, biglietteria e diritti tv. In Italia, rispetto ad altri paesi, questo mix di ricavi è sbilanciato verso quelli tv e c'è l'esigenza di poter sopravvivere come calcio e quindi la gente deve tornare allo stadio. Una nuova struttura ha un impatto sui diritti tv. La Premier League è la lega più comprata al mondo, tra Atalanta-Sassuolo e Stoke City-Sunderland, pensiamo che il match italiano ha più contenuti tecnici, ma il pubblico internazionale sceglierà sempre il match inglese, perché ha una struttura idonea e adatta alla struttura televisiva e ciò non riusciamo a riprodurlo. C'è un'esigenza di sistema colta dal legislatore con la legge Del Rio, proprio al fine di facilitare la costruzione di nuove infrastrutture. Il calcio è un'industria in crescita, è anticongiunturale perché fa parte dell'intrattenimento. Noi confidiamo che sia un successo"
  • 11.06 Viene introdotto l'intervento di Gandini: "Sono un po' emozionato,è uno dei miei primi intervento. Avete sicuramente avuto modo di apprezzare il progetto dello stadio, abbiamo scelto la Facoltà di Economia de La Sapienza perché è tra le più importanti. L'impatto economico e sociale è ampio, riguarda la mobilità, il risanamento delle zone interessate e il verde pubblico che avrà un grande spazio".
  • 11.05 Ridolfi, presidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, apre l'evento: “Ascolterò con grande interesse i dati. Come presidente dell'Ordine degli Architetti di Roma, e mi rivolgo a tutti loro, non posso che mostrarmi fortemente interessato a questo progetto e a tutti gli interventi legati al miglioramento della nostra cittadinanza. Ho letto un articolo sul giornale, dove ho letto che ci sono voluto 20 anni per costruire la Via Prenestina, come il Canale di Panama e ciò non possibile. Ci devo essere tempi precisi nell'interesse pubblico. Ci confrontiamo sempre con le opere incompiute. Eccomi qui a ribadire la necessità nel procedere e costruire grandi opere, vogliamo tempi certi. Siamo assolutamente favorevoli a tutte quelle opere per i cittadini, che possano rappresentare Roma con orgoglio. L'architettura del nuovo stadio è un omaggio alla complessa storia di Roma, sia moderno e innovativo, esteticamente vicina all'estetica italiana. Fungerà per un progetto di sviluppo ampio e a uso privata. Grazie”.
  • 11.00 - Inizia la conferenza,parla il presidente dell'odine degli architetti di Roma Alessandro Ridolfi per un saluto: "Il nuovo stadio è un omaggio alla storia architettonica di Roma, trasformerà il mondo dei romani di integrare sport e intrattenimento"
  • 10.47 - Il Direttore generale della Roma, Mauro Baldissoni, presente all'evento.

 

  • 10.45 - I documenti del progetto, relativo allo "Stadio della Roma".

  • 10.35 - Tutto pronto all'interno dell'Acquario Romano.

  • 10.20 - Sono appena arrivati Mauro Baldissoni, Umberto Gandini e Luca Parnasi.

  • 10.15 – La presentazione sta per iniziare, i relatori e gli ospiti stanno per prendere posto all’interno dell’Acquario Romano, vicino alla stazione Termini. Sono attesi per la Roma Baldissoni e Gandini.

 

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom