Breaking News

MALAGO': "Potevo diventare presidente della Roma"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-06-2014 - Ore 22:21

|
MALAGO':

Il Presidente del CONI Giovanni Malagò è intervenuto sulle frequenze di Rete Sport in occasione del centenario del comitato olimpico italiano.

"La storia del CONI nel bene e nel male è anche la storia del nostro paese. Se stiamo qui a parlare di questo dobbiamo ringraziare figure come Giulio Onesti."

Il Presidente ha parlato della recente iniziativa della A.S. Roma, condivisa dal CONI, e dei rapporti con la società giallorossa: "Al centro Giulio Onesti ci sono molte realtà sportive, dal rugby al nuoto, e si è pensato anche di fare una scuola calcio per dare un centro alla Roma, oltre a Trigoria, spostato in zona nord. Abbiamo il dovere di far rendere al meglio questi impianti. Rapporti personali con Pallotta? Ottimi come con tutti i nuovi dirigenti ma è la mia natura: mi fa piacere collaborare con la Roma. Ad ogni modo, non si tratta di Pallotta o di Thoir, tutti quelli che hanno desiderio di investire nel sistema sportivo italiano devono essere delle brave persone e rispettare un impegno che si prendono".

Poi ha rivelato un retroscena: "C'è stato un momento in cui sono stato vicino ad essere il Presidente della Roma. C'era un gruppo che sosteneva la mia candidatura ma non andò a buon fine". Ma non vuole dare altri riferimenti: "Accontentatevi di questa rivelazione".
Sullo stadio della Roma: "Sono ottimista di natura per cui anche in questo caso: vedo che sono persone serie e determinate, c'è una forte volontà".

Sul futuro dell'Olimpico e sulla Nazionale ai Mondiali: "Girava la leggenda di un CONI che faceva il tifo affinché Roma e la Lazio non si facessero lo stadio di proprietà per il discorso dell'affitto dell'impianto. Ma l'Olimpico ospita già grandi manifestazioni: il Golden Gala, Il 6 Nazioni di rugby, molti concerti. Dobbiamo utilizzare l'impianto 365 giorni l'anno. Bisogna adoperarsi e fare gli imprenditori. Lo stesso Wembley non è lo stadio di una società calcistica".

"Mondiali? Parto giovedì insieme al segretario generale, vedo la gara con il Costa Rica e torno il sabato a Roma per impegni di lavoro. Praticamente dormirò solo in aereo ma era importante esserci".

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom