Breaking News

MAZZONE: "Roma-Napoli è già sfida scudetto. Garcia ha grande personalità"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-10-2013 - Ore 19:05

|
MAZZONE:

La sfida Roma-Napoli è lontana anora dieci giorni, ma nelle due città già non si parla d'altro. A tal proposito Calciomercato.com ha intervistato un grande doppio ex: Carlo Mazzone. L'allenatore è legato a doppio filo sopratutto con i giallorossi, ma ha avuto l'onore di rappresentare, pur nel breve intervallo di una parentesi, anche il club partenopeo.

Roma-Napoli scontro scudetto. E' cambiata la geografia del calcio o è casualità?
'Da romano e da doppio ex sono felice di come stanno giocando le due squadre. Nonostante siano passate soltanto otto giornate sono sicuro che sia Roma sia Napoli possono essere competitive per lo scudetto. La classifica è veritiera, soltanto la Juventus secondo me può insidiare loro il primo posto. Da queste tre squadre uscirà la vincitrice del campionato. L'inter la vedo un gradito sotto, mentre il Milan ha perso già troppi punti'. 

Conoscendo bene entrambi gli ambienti, si aspetta una reazione di esaltazione o depressione dalle due tifoserie in base al risultato finale?
'Napoli è l'unica squadra della città, mentre dall'altra parte nonostante ci sia anche la Lazio che ha un bellissimo pubblico, la Roma riceve moltissime pressioni dall'ambiente. Io credo che l'entusiasmo non vada in campo, quindi al di là del risultato sia Roma che Napoli saranno in grado di continuare il loro cammino senza traumi. Non me ne vogliano i tifosi del Napoli, ma io tiferò Roma'. 

La sfida potrebbe essere impoverita dalle assenze di molti nazionali. Gli allenatori in questi casi come preparano la partita?
'Sono pronti a sopperire alle assenze. La rosa è piena di campioni, quindi nessuna delle due squadre sarà penalizzata. Anzi io mi aspetto una sfida spettacolare, giocata a livelli molto alti e che vinca il migliore. Le eventuali assenze non peseranno'.

Si rivede più in Garcia o in Benitez?
'Non mi piace paragonarmi ai colleghi. Piuttosto mi fa piacere sottolineare come entrambi siano ottimi allenatori. Io ero preoccupato al loro arrivo perchè avevo paura potessero subire l'impatto con il calcio italiano. Benitez è stato già a Milano, ma Napoli è proprio insieme a Roma la piazza più calda d'Italia. Invece con grande personalità si sono imposti e stanno svolgendo un ottimo lavoro'.

Infine, una battuta su Totti. Prandelli ha detto che se il Mondiale fosse vicino lo convocherebbe.
'Lasciamolo giocare, poi se a maggio è ancora così in forma è giusto che Prandelli ci faccia un pensierino'.

Fonte: calciomercato.com

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom