Breaking News

Meglio tardi che mai, ecco il rinforzo per la difesa: Ervin Zukanovic, gavetta e solidità (VIDEO)

condividi su facebook condividi su twitter Di: Davide Aprilini 29-01-2016 - Ore 12:00

|
Meglio tardi che mai, ecco il rinforzo per la difesa: Ervin Zukanovic, gavetta e solidità (VIDEO)

PROFILO – Zukanovic nasce a Sarajevo l'11 Febbraio del 1987 (oggi 28enne) è alto 1,88m e pesa 84kg. Mancino, duttile tatticamente ricopre sia il ruolo di difensore centrale che quello di terzino sinistro. Gioco aereo e fisicità sono i suoi punti di forza, al contrario di quanto si possa immaginare, è dotato di un discreto sinistro che può rivelarsi un'utile soluzione per i calci piazzati. Strappato allo Stoccarda per 4 milioni di euro, Ervin Zukanovic arriva a Trigoria con umiltà e la voglia di dimostrare di non essere un acquisto da etichettare come "bidone".

CARRIERA - All'età di 19 anni, nel 2005-2006, Zukanovic lascia il proprio paese per iniziare il suo percorso calcistico trai professionisti. La sua prima parentesi sarà quella dell'Austria Lustenau ma il salto di qualità tanto atteso però non avviene, dato che il Lustenau lo lascia nel limbo della seconda squadra, con cui colleziona 20 presenze senza mai lasciare il segno sul campo. Dopo questa breve e deludente parentesi, torna in patria la stagione seguente vestendo i colori bianco-rossi del Velez Mostar, con cui però non riesce ancora ad esprimersi al meglio. L'inizio è turbolento, dopo il Mostar torna in Austria, questa volta con la maglia del Sulzberg con cui inizia lentamente a mettersi in mostra. La sua possente fisicità e la sua duttilità contribuiscono in modo determinante nella testa degli allenatori che accompagnano la sua crescita che decidono di regalargli sempre più spesso il posto da titolare. Dall'Austria alla Germania, dalla Germania al Belgio, un piccolo passo in avanti nella sua faticosa carriera lo fa vestendo la maglia dell'Uerdingen prima e del club belga Dender. Qui in Belgio, in un club che vale complessivamente 2 milioni di euro, Ervin Zukanovic, acquistato a titolo gratuito, mette a segno il suo primo gol da professionista: lo fa il 7 Marzo del 2009 nella sconfitta per 4-3 per mano del Genk. Con la maglia del Dender colleziona 55 presenze, 2 gol e un assist. Ervin, vuole però continuare la sua scalata nella Pro-League belga. Veste la maglia dell'Eupen, totalizzando 37 presenze, 3 reti e 1 assist.

DAL KORTRIJK ALLA SERIE A- Oltre a ottimi bottini, Zukanovic acquisisce una solidità tattica non indifferente: diligente, pragmatico e intelligente, Ervin viene notato dagli osservatori del Kortrijk squadra della Jupiler Pro-League con cui il bosniaco inizia a tirare su di sé le attenzioni dei primi osservatori dei campionati maggiori quali Bundesliga e Serie A. Tra il 2011 e il 2013 mette a segno 6 reti e 3 assist in 65 partite. Spicca tra i migliori difensori del massimo campionato belga, ma troppo poco per attirare su di se club di fascia europea. Ad acquistarlo sarà il Gent, squadra della città di Gand con cui le prestazioni rimangono ad un buon livello. Greuther Furth, Asburgo e Rapid Vienna e Chievo Verona mettono gli occhi sul giocatore bosniaco, a spuntarla saranno proprio i veronesi che nel Giugno del 2014 lo preleveranno con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato a 1 milione di euro. In Serie A con la maglia del Chievo totalizza 29 presenze 2 reti e 2 assist. L'affetto dei Veronesi diventa tale che la sua cessione alla Sampdoria nel 2015 venga vista come un errore della dirigenza. In blucerchiato si conferma titolarissimo giocando dal primo minuto ben 16 partite su 21. Segnando 3 gol in campionato di cui uno decisivo contro la Lazio allo Stadio Olimpico che permette alla Sampdoria di pareggiare 1-1 allo scadere. Nel 2012 inoltre esordisce con la nazionale Bosniaca con cui colleziona un totale di 12 presenze.

IL MERCATO DELLA ROMA – L'annuncio dell'ufficialità di Ervin Zukanovic alla Roma ha destato non poche perplessità in tutto l'ambiente giallorosso. Non tanto per le qualità del giocatore su cui ci sono pareri contrastanti, bensì per le modalità e le tempistiche. Il bosniaco è entrato nei cancelli di Trigoria solamente negli ultimi 4 giorni del mercato di riparazione e la trattativa è stata avviata e conclusa nell'arco di poche ore, non senza patemi d'animo visto l'interesse forte e la trattativa quasi conclusa da parte dello Stoccarda. Il ritardo d'azione sul mercato della Roma potrebbe essere causato anche dal cambio dell'allenatore, ma essendo la difesa il vero punto debole della squadra, forse si sarebbero potute concentrare maggiori forze e risorse economiche per completare il reparto, mettendo così Spalletti nelle migliori condizioni di poter studiare in anticipo l'assetto migliore su cui ricostruire una squadra sin qui in difficoltà. Aspettando Perotti e, forse, un altro difensore accogliamo il nuovo acquisto: Ervin Zukanovic, benvenuto a Roma, meglio tardi che mai. A buon rendere!

Fonte: Davide Aprilini per Insideroma.com

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom