Breaking News

Missione Euro 2016 per sei giallorossi. Continua la sfida Pjanic-Nainggolan

condividi su facebook condividi su twitter Di: Federico Paolini 28-03-2015 - Ore 11:30

|
Missione Euro 2016 per sei giallorossi. Continua la sfida Pjanic-Nainggolan

Florenzi ha alzato bandiera bianca. Il terzino-centrocampista-attaccante giallorosso dovrà rinunciare alla sfida della nazionale italiana contro la Bulgaria, valida per le qualificazioni ad Euro 2016. Causa distorsione al ginocchio, l'ex Crotone tornerà forse a disposizione per l'amichevole di martedì contro l'Inghilterra.

Ma se uno da forfait, rimangono sei giallorossi a giocarsi l'accesso alla fase finale del prossimo europeo. Vogliono un biglietto per la Francia i greci Torosidis, Manolas ed Holebas, il serbo Ljajic, il belga Nainggolan e il bosniaco Pjanic

Ma andiamo per ordine. Questa sera toccherà ai due centrocampisti di Garcia, Nainggolan e Pjanic. Il belga dovrà affrontare una sfida cruciale contro Cipro, per rilanciare una nazionale in difficoltà in questa prima fase di qualificazioni. Sono appena cinque i punti in tre partite, ma la situazione potrebbe cambiare radicalmente battendo i ciprioti e Israele capolista (martedì 31). Le possibilità di rilanciarsi ci sono tutte, considerando il livello tecnico della selezione belga.

Situazione complicata anche per Pjanic, che con la sua Bosnia non ha ancora mai vinto. Ci proverà ad Andorra, contro l'avversaria teoricamente più morbida del girone. Per qualificarsi c'è da superare la concorrenza proprio del Belgio di Nainggolan, ma la strada è molto lunga e tortuosa. Dopo la storica qualificazione all'ultimo mondiale, Dzeko e compagni potrebbero restare fuori dall'Europeo.

Se Belgio e Bosnia non ridono, lo stesso si può dire per la Serbia di Adem Ljajic. In panchina c'è stato il passaggio di consegne da Advocaat a Curcic, dopo la sconfitta contro la Danimarca. C'è da scalare una montagna, per via anche della penalizzazione rimediata dopo la sfida contro l'Albania, ma il talento a disposizione è tanto grazie a elementi come Nastasic, Ivanovic, Matic e il nostro Adem, tanto per citarne alcuni.

Missione quasi impossibile per la Grecia di Torosidis, Manolas e Cholevas, impegnata sul difficile campo dell'Ungheria. Gli ellenici sono ultimi con un solo punto conquistato, e dopo la clamorosa sconfitta contro Far Oer la panchina di Claudio Ranieri è saltata. Al suo posto è stato scelto l'uruguiano Markariàn, che avrà parecchio lavoro da fare per riportare i greci ai fasti dell'Europeo vinto nel 2004. 

CLASSIFICHE E PARTITE

Fonte: Federico Paolini-Insideroma

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom