Breaking News

Montali: "Domani partita apertissima. La Roma è nel caos, c'è scollatura tra tecnico, società e giocatori"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-03-2015 - Ore 13:03

|
Montali:

Gian Paolo Montali, ex dirigente di Roma e Juventus, è stato intervistato dal portale firenzeviola.it per parlare della gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League tra i giallorossi e la Fiorentina. Questo il pensiero di Montali:

Le due squadre arrivano all’appuntamento in momenti quasi opposti. Che partita si aspetta?
Prevedo una gara apertissima. La Roma è una squadra ferita, in una situazione di grande caos. Vedo una scollatura totale tra i tre reparti fondamentali: giocatori, allenatore e soprattutto società. La sensazione è che la mano destra non sappia cosa fa la sinistra e viceversa. La Fiorentina viene invece da un ottimo momento e dalla vittoria col Milan e questo, paradossalmente, può essere un’arma a doppio taglio. I viola sono soliti rilassarsi dopo un risultato positivo e approcciano sempre con un atteggiamento troppo soft alle gare successive. Con uno scenario del genere penso sia impossibile avanzare pronostici”.

Che rapporto ha con Montella? Pensava potesse raggiungere livelli del genere così presto?
Vincenzo lo considero un amico e ho sempre notato in lui le stigmate del grande allenatore. Proprio per l’ottimo rapporto che ci lega, mi sento di poter dire che ha ancora alcune aree strategiche in cui deve e può migliorare. Il processo di crescita che sta facendo a Firenze è importante, ma Vincenzo è destinato a vincere e ad arrivare a grandi livelli non solo in Italia ma penso anche in Champions. Se tutto ciò avverrà con la Fiorentina sarò il primo ad essere felice, altrimenti sono sicuro che saprà esportare le sue idee anche in un top club. La curiosità e l’intelligenza sono sue peculiarità. Vincenzo è sempre aggiornatissimo e sa veramente tanto di calcio, lo saluto con affetto”.

Fonte: firenzeviola.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom