Breaking News

Nainggolan: "Con il Livorno dobbiamo vincere. La Sud? Grande emozione"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-01-2014 - Ore 16:53

|
Nainggolan:

Di seguito il testo integrale tratto dalla videochat realizzata da AS Roma Membership con il centrocampista della Roma, Radja Nainggolan.

A Cagliari sei stato soprannominato “Ninja”, ma a Roma amano anche i gladiatori. Preferisci essere ninja o gladiatore?

“Ninja perché ho origini orientali, fa più parte di me, ma in campo si va come un gladiatore”.

Hai scelto Roma anche per ragioni extracalcistiche?

“Sinceramente c’erano un paio di proposte sul tavolo, ma Roma mi attirava di più. La città poi ha una storia incredibile e sicuramente è stato un motivo in più”.

Sei arrivato da una settimana, ma hai già giocato 2 partite. È successo tutto così velocemente. Te lo aspettavi?

“No, non me lo a aspettavo così veloce, ma il nostro hobby che diventa lavoro ci fa essere sempre pronti. Mi sono preparato bene mentalmente , non avevo grosse difficoltà, con le mie prestazioni posso solo dare una mano in più”.

In estate sei stato in vacanza in Indonesia, il paese delle tue origini. Che effetto ti ha fatto?

“È stata la prima volta per me. Una bella esperienza e sicuramente ci riandrò. Ho conosciuto una parte della mia vita che non conoscevo. Veramente emozionante”.

Anche tua sorella è calciatrice. Come mai avete scelto entrambi il pallone?

“Siamo gemelli. Ho iniziato io molto giovane, lei era sempre con me perché abbiamo un legame particolare. Quando giocavo voleva giocare anche lei. E lei ora è in Serie A in Belgio”.

Mondiale con il Belgio o scudetto con la Roma?

“Per calciatore la cosa più importante è fare bene col proprio club. La nazionale è il premio del lavoro. Preferisco i successi con il mio club: raramente si arriva fino in fondo”.

Il passaggio in giallorosso faciliterà il tuo inserimento in nazionale?

“Probabile. Già quando giocavo con il Cagliari ho collezionato alcune presenze. Ora, giocando in una grande squadra, posso soltanto migliorare e avere più visibilità agli occhi del ct”.

Quali obiettivi ti sei posto con questo club?

“Sicuramente dare una mano ad una squadra già forte che può fare belle cose. Siamo dietro di otto punti, ma la matematica non ci condanna e possiamo giocare  fino alla fine. Prossimo anno proviamo a vincere e andare lontano in Champions”.

Che sensazioni ti ha dato la curva Sud?

“Quando ho esordito in coppa, ho provato una bella sensazione. Ma l’emozione più grande l’ho provata giocando in campionato contro il Genoa. Qui il tifo è particolare. A Cagliari, per problemi che tutti conoscete, non eravamo abituati ad avere tanta gente allo stadio”.

Impressione sulla partita di sabato contro il Livorno?

“Contro Livorno, guardando la classifica, dobbiamo vincere per forza, possiamo battere chiunque. E contro di loro dovrebbe arrivare la vittoria. Bisogna però studiare bene gli avversari e dare il massimo per i tre punti”.

Dall’esterno come viene percepito l’ambiente di Roma così passionale? (Domanda rivolta direttamente da un utente AS Roma Membership, Massimiliano)

“Quando giocavo con il Cagliari sapevo bene una cosa: venire a giocare a Roma era difficile, soprattutto perché il tifo è caldo e speciale. Io posso dire che in campo cerco sempre di dare il 101%. Mi impegno in ogni occasione, poi ovviamente si può sbagliare”.

Per chiudere, carbonara o amatriciana?

“Carbonara molto spesso, mi hanno detto di mangiare qui l’amatriciana e vi farò sapere”.

Fonte: as roma membership

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom