Breaking News

Non chiamatelo scommessa

condividi su facebook condividi su twitter Di: Federico Paolini 27-08-2013 - Ore 16:30

|
Non chiamatelo scommessa

"Io una scommessa? (Occhiataccia). Dimostrerò ciò che valgo in campo". E' andata più o meno così, tra il malcapitato giornalista e Douglas Maicon

Era la prima conferenza da calciatore della Roma per il brasiliano, che si è presentato alla grande. Parlando di campo, appunto. Quel luogo in cui domenica sera ha sfrecciato come un treno sulla fascia destra. 

Aldilà delle domande dei cronisti, era lecito avere un pizzico di curiosità sulla condizione fisica del terzino. Ci ha pensato proprio lui a fugare ogni dubbio. Una prestazione almeno da sette in pagella, in cui non sono mancati dribbling, cross e tiri in porta. 

Ma sopratutto non è mancata la personalità. Quella che probabilmente è la dote migliore del campione verdeoro. La caratteristica che lo ha portato sul tetto d'Italia, d'Europa e del mondo con la maglia dell'Inter. Qualità che serviva come il pane alla Roma. 

L'ha messa in mostra nei momenti difficili del match. Quando, sullo 0-0, la partita sembrava complicarsi e lui ha provato a scardinare la difesa toscana in tutti i modi. Quando, mentre i compagni erano in difficoltà, si è sempre messo in condizione di ricevere palla sulla destra ed inventare qualcosa. Non si è tirato indietro neanche quando c'era da dire due paroline a qualche avversario. 

Questo è Maicon. Se qualcuno ha ancora voglia di chiamarlo scommessa faccia pure, ma forse è meglio non dirglielo.

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom