Breaking News

Paredes, Sanabria e Abner: conosciamo meglio i golden boy di Sabatini

condividi su facebook condividi su twitter Di: Federico Paolini 09-01-2014 - Ore 16:00

|
Paredes, Sanabria e Abner: conosciamo meglio i golden boy di Sabatini

L'esperienza per tornare subito grandi, il talento dei giovani per programmare un futuro roseo. E' un pò questa la strategia attuale della Roma e di Walter Sabatini, che negli ultimi giorni sta concretizzando tre operazioni importanti per l'avvenire. Paredes, Sanabria e Abner hanno ormai, chi più chi meno, la maglia giallorossa addosso, ma andiamo a conoscere meglio questi "golden boy" provenienti dal sudamerica. 

L'acquisto ormai concretizzato è quello di Leandro Paredes, trequartista proveniente dal Boca Juniors. 250 mila euro da sborsare subito per averlo in prestito per 18 mesi, e 4,5 milioni per il riscatto, cifra non altissima per un talento puro come quello di cui stiamo parlando. 

Nato a San Justo il 29-06-1994, Paredes è il classico trequartista ambidestro, molto tecnico e bravo con i piedi. Per come tocca il pallone con la suola ricorda il connazionale Erik Lamela, ma per movenze è più simile al Cassano di qualche anno fa. E' molto rapido nello stretto grazie al dribbling bruciante ed ha un buon tiro da fuori, più preciso che potente. Non male anche nei calci di punizione. 

Nel Boca ha messo a segno 5 gol tra l'apertura della scorsa stagione e quella di quest'anno, in cui ha però giocato solo 4 match. 

Dovrebbe arrivare a breve l'ufficialità dell'arrivo di Antonio Sanabria, che vestirà la maglia giallorossa da giugno. Uno che "si è fatto le ossa" dalle parti di Leo Messi, nel vivaio del Barcellona. E' proprio questo il vantaggio del paraguyano, nato a San Lorenzo il 4-3-1996, più giovane di due anni rispetto al collega Paredes, ma più esperto di calcio europeo avendo già messo a segno tre gol in dieci partite di Segunda Division spagnola e quattro in tre match di Champions League giovanile. 

Fisico longilineo, Sanabria è molto bravo ad attaccare lo spazio in profondità, giocando sulla linea del fuorigioco. Ha un gran tiro da fuori, sia da fermo che in movimento, e quello che colpisce di più di lui è la freddezza sotto porta nonostante la giovane età. Prototipo dell'attaccante moderno, completo. 

Dopo Roberto Carlos e Marcelo, tanto per citare solo i più recenti, il Brasile ha sfornato un altro "artista" della fascia sinistra. Si chiama Abner e, secondo quanto ammesso dallo stesso giocatore alla Gazzetta dello Sport, mancano solo gli ultimi dettagli per ufficializzare il suo passaggio alla Roma per giugno. 

Grande corsa, dribbling interessante e ottimo cross con il mancino sono alcune caratteristiche di questo terzino sinistro "di gamba". Nato a Londrina il 30-05-1996 ha giocato il mondiale u17 con la maglia del Brasile, mettendo insieme tre presenze. Nonostante quello che si dice sulle qualità difensive di questo tipo di giocatori, Abner è molto grintoso e difficile da saltare, anche se la disciplina tattica sarà sicuramente da migliorare. 

Mentre ammira il presente, la Roma programma il futuro. Sempre nel segno delle grandi intuizioni del DS Walter Sabatini. 

 

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom