Breaking News

Roma 2024: da Torino a Palermo, 11 città per il calcio. La Roma ci prova con il nuovo stadio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-12-2015 - Ore 19:19

|
Roma 2024: da Torino a Palermo, 11 città per il calcio. La Roma ci prova con il nuovo stadio

Dallo 'Juventus Stadium' di Torino al 'Renzo Barbera' di Palermo. In tutto una rosa di 11 stadi, la tradizione calcistica italiana che abbraccia il sogno di Roma 2024. Il Comitato promotore dei Giochi ha svelato la geografia di quello che sarà, se la Capitale ospiterà i Giochi, il torneo calcistico a cinque stelle secondo il dossier di candidatura da presentare al Cio. Già definite le sedi delle due semifinali, a San Siro a Milano e al San Paolo di Napoli, dove si svolgeranno anche due quarti di finale. Le altre città (Torino, Genova, Udine, Verona, Bologna, Firenze, Bari, Palermo), avranno gli altri due quarti e le partite dei gironi di qualificazione. Dubbi invece sull'impianto che ospiterebbe la finale di Roma: stadio Olimpico o nuovo Stadio giallorosso? La speranza è che il progetto dell'impianto voluto da Pallotta possa essere approvato entro il febbraio 2017, ultima data utile per presentare il dossier al Cio: «Siamo spettatori interessati, vediamo nei prossimi mesi l'andamento del progetto - le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò - perchè il nuovo impianto potrebbe essere usato anche per gli sport di squadra come baseball, hockey prato e rugby a 7», ora previsti in altri impianti. In tutto, il calcio olimpico coinvolgerebbe l'intero Stivale: «Rappresentano tutta la tradizione calcistica italiana», afferma il presidente del Comitato promotore, Luca Cordero di Montezemolo, secondo il quale «la tecnologia nel 2024 rivestirà un ruolo fondamentale». Per ora Juventus Stadium, Olimpico, San Siro e Friuli sono gli unici a presentare i requisiti da Olimpiade, gli altri dovranno essere 'ritoccatì in corso d'opera. Definito il calcio, gli altri nodi da sciogliere sono quelli riguardanti la sede di tennis e nuoto (una delle due andrà via dal Foro Italico) e quella per l'equitazione (Piazza di Siena o Flaminio), oltre ad alcuni costi infrastrutturali legati al collegamento metro tra Anagnina e Tor Vergata: 2 miliardi circa. Montezemolo assicura che «la valorizzazione storica e artistica di Roma sarà usata al massimo nelle competizioni di corsa e ciclismo, beach volley e tiro con l'arco» e tra queste ci sarà anche la tradizionale maratona al centro storico. «Una grande candidatura e una grande squadra si costruiscono sapendo intercettare una massa critica sul territorio che vorremmo si trasformasse in positiva», tiene a specificare il presidente del Cip e vicepresidente del Comitato promotore, Luca Pancalli. «Abbiamo tutte le opportunità di vincere - ha concluso - ma portare i Giochi in una città che li vuole è cosa ben diversa che portare una competizione che possa essere solo nostra».

Fonte: ANSA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom