Breaking News

Roma, pari beffa nel recupero

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-11-2013 - Ore 21:11

|
Roma, pari beffa nel recupero
Arriva a quindici secondi dalla fine la beffa per la Roma di Garcia che pareggia la seconda partita consecutiva. Beffa perché sul campo i giallorossi, ancora alle prese con assenze pesanti in attacco (Totti, Gervinho, Destro e Borriello infortunatosi nel primo tempo n.d.r) e senza Benatia, squalificato, avevano dominato il Sassuolo di Di Francesco. Troppe le occasioni sprecate, soprattuto da Ljajic, in un campionato difficile come la Serie A, dove spesso ne paghi le conseguenze. Un primo avviso lo si era intravisto al quarantesimo minuto quando De Sanctis aveva salvato su Farias. 
 
LA TATTICA - Nella Roma rientra Castan in difesa con Burdisso a completare la coppia dei centrali di difesa. Pjanic riportato a centrocampo rispetto alla gara di Torino e dentro Ljajic nel tridente offensivo. Di Francesco invece vara un Sassuolo dallo schieramento tattico cangiante, capace di passare dal 3-5-2 al 4-4-2, fino al 4-3-3 finale. 
 
IL MATCH - Avvio tambureggiante della Roma che vuole riscattare subito il passo falso contro il Torino e riprendere la marcia vincente in campionato. Guidata dalla classe di Pjanic e dal gioco sulle fasce crea non poche difficoltà al Sassuolo. Il primo tiro in porta é di Balzaretti che su cross basso, respinto, di Ljajic, col suo piede debole spara alto. Due minuti dopo arriva il vantaggio. Strootman recupera palla a centrocampo e serve Florenzi che avanza palla al piede, chiede ed ottiene l'uno-due con Pjanic, tiro respinto da Pegolo e sulla respinta Longhi fa autogol. Il Sassuolo prova a metter fuori la testa, ma non va oltre conclusioni velleitarie dalla distanza. Al 32' la Roma perde Marco Borriello per infortunio, al suo posto dentro Bradley. Pjanic viene riportato in attacco, questa volta però, invece che agire largo a sinistra si posiziona al centro con Florenzi alla sua sinistra e Ljajic alla sua destra. Nei tre minuti di recuperi concessi nel primo tempo, la Roma accelera per trovare il doppio vantaggio prima della ripresa. É fondamentale Acerbi nell'intercettare il cross basso di Balzaretti e anticipare così, Ljajic solo a centro area. Un minuto dopo l'azione più bella del match: Balzaretti di tacco per Pjanic che di tacco a sua volta serve Ljajic, tiro a prendere in controtempo Pegolo che si allunga e devia in angolo.
Nel secondo tempo é sempre la Roma alla ricerca del secondo gol, che statistiche alla mano, non riesce a trovare da quattro partite. É Ljajic la vera croce più che delizia della partita. Sebbene la maggior parte delle occasioni che poi sprecherà avvengono da sue giocate individuali, gli errori sotto porta incideranno sul risultato finale. É un break difensivo di Castan che lancia il contropiede giallorosso che si conclude con una conclusione al volo, ciccata da Pjanic, la prima occasione della ripresa. Cominciano i cambi per Di Francesco che vara una squadra più offensiva lasciando ampi spazi agli uomini di Garcia. Florenzi con un esterno delizioso lancia a tu per tu Ljajic contro Pegolo, tiro centrale. Sempre Il portiere verde-nero nega, questa volta, il gol al calciatore serbo chiudendo bene sul secondo palo in tuffo. Al 40' improvvisamente la gara si riaccende dopo che il ritmo era stato spezzato dalla girandola delle sostituzioni, Burdisso sbaglia il disimpegno e libera Farias che si fa ipnotizzare da De Sanctis in uscita. Sventato il pericolo si pensa che i tre punti siano messi in cassaforte per la Roma, ma così non sarà. Sembra ripetitivo ma due minuti dopo il sussulto del Sassuolo, Ljajic può chiudere il match, ma spreca ancora calciando su Pegolo, sulla respinta non riesce ad Acerbi l'autogol bis sfiorando il palo. Giacomelli concede quattro minuti di recupero. Il pareggio di Berardi arriva al minuto 93 e 45 secondi. Cross dalla sinistra, sponda di testa in mezzo, si accende una mischia nella quale il giovane u-21 italiano col mancino pareggia i conti.
 
Dopo dieci vittorie consecutive arriva il secondo pareggio, che qualsiasi sarà il risultato di questa sera tra Juventus e Napoli, mantiene la Roma i vetta alla classifica. La sosta dovuta agli impegni della nazionali in lotta per la qualificazione alla fase finale del mondiale restituirà, facendo i dovuti scongiuri, pedine fondamentali alla squadra per ricominciare a vincere.
 
(Luca d'Alessandro @lucadale86) 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom