Breaking News

ROMA Vs JUVE, il pareggio non vale

condividi su facebook condividi su twitter Di: Gabriele Nobile 21-01-2014 - Ore 16:45

|
ROMA Vs JUVE, il pareggio non vale

Al termine di Juventus Roma di qualche settimana fa, avevamo esaminato in maniera specifica alcune “differenze sostanziali” tra le due squadre in questa fase del campionato, toccando alcuni aspetti “sensibili”. Avevamo analizzato come uno dei punti di forza della Juventus, sia il suo strapotere nel sistema calcio e nei media, senza voler nulla togliere ai meriti sportivi della squadra torinese nè sminuire il rotondo risultato dello “Juventus Stadium”.

Parlavamo di campionato. tra poco si giocherà una partita valevole per la TIM CUP, la vecchia Coppa Italia, ma la rivalità e lo spirito del match sarà lo stesso, con alcune differenze “importanti” già sottolineate dai media “amici” dello squadrone piemontese, che già hanno annunciato che la Juventus scenderà allo Stadio Olimpico con una formazione figlia del turn-over, dettato da mister Conte…un modo come un altro per mettere le mani avanti ( o come dice Conteè sempre meglio mettere le mani davanti prima che dopo dietro” ) e quindi provare a dare meno importanza alla partita di coppa,  per una scelta poi ancora non decisa dal trainer bianconero.

La Roma invece schiererà la migliore formazione possibile e su questo Rudi Garcia non ha fatto giochi di parole; nel match contro il Livorno, il tecnico francese ha tenuto a riposo Totti, Florenzi Nainggolan ed il rientrante Borriello, per concedere il campo al trio Destro, Gervinho  e Ljaijc.

Vedremo se domani Garcia vorrà spostare l’equilibrio della sua squadra, rischiando qualche inserimento a sorpresa, o affidandosi ai giocatori dei quali si fida di più. Una quasi certezza è che difficilmente concederà una vetrina ai giocatori poco utilizzati in questa prima fase come Burdisso e Jedvaj, e tra i pali non rischierà Skorupski, ma si affiderà al veterano De Sanctis che dopo essersi riposato con Genoa e Livorno (pare addirittura che nell'intervallo abbia chiesto ai compagni di svegliarlo a fine gara) avrà voglia di scaldare i guantoni. Per il resto la squadra sembrerebbe definita.

Il punto non è questo, ci piace notare come sia cambiato l’approccio a questo big match: a differenza di quanto successo il 5 gennaio prima della trasferta di Torino, le dichiarazioni dei giocatori della Roma sono state pochissime, niente toni trionfalistici e zero errori di comunicazione.

Se è vero (ed è vero), come dicono dalle parti di Torino, che le partite si vincono sul campo e non a parole, la Roma ha imparato la lezione e si sta concentrando su questo. E questa volta dovrà mettere quel qualcosa in più, proprio in termini di “Vis Pugnandi”: la platea dello Stadio Olimpico in sold out lo richiede, un’intera tifoseria proverà a trascinare i propri beniamini alla vittoria mai così attesa..ricordando a tutti che in questo match non è previsto il pareggio....adlilà di Conte ed il suo (finto) turn-over.

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom