Breaking News

Serie A - La presentazione della 28a giornata di campionato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-03-2015 - Ore 14:13

|
Serie A - La presentazione della 28a giornata di campionato

La ventottesima giornata di Serie A giunge dopo un’intensa settimana di calcio sui campi di tutta Europa che ha certificato l’approdo ai quarti di finale, in Champions League, della Juventus e di Napoli e Fiorentina in Europa Legue, non ce l’hanno invece fatta Torino, Roma ed Inter.

Alle 15 tocca alla Juventus tornare in campo dopo la grande vittoria con il Borussia che ha garantito il passaggio ai quarti di Champions. Allegri deve far fronte alla tegola Pogba, vittima di una lesione di secondo grado al bicipite femorale destro che lo terrà fuori per due mesi e gli farà saltare la doppia sfida con il Monaco ai quarti. Urna benevola infatti per i Campioni d'Italia, dato che hanno pescato quella che da tutti era considerata come la più agevole del lotto. I bianconeri avranno un mese per prepararsi a questa doppia sfida, concentrandosi sul campionato dobe, oltre al francese, a centrocampo devono rinunciare anche a Pirlo. Sturaro, e i lungodegenti Romulo e Asamoah. L’allenatore bianconero si trova quindi con la coperta corta e opta di riproporre il 3-5-2 che bene ha fatto sia a Palermo che nella trasferta tedesca. La squadra di Gasperini non sta vivendo il momento migliore della stagione ma tenterà il colpaccio in casa della capolista per riavvicinarsi alle zone alte della classifica, dovendo anche recuperare la sfida casalinga con il Parma. I rossoblu, vista la squalifica di Iago Falque, si presentano con Borriello dal 1'.

Alle 20.45 le restanti sei partite che chiudono la 28 giornata. Grande bagarre in zona Champions con la Roma che sembra essere in una crisi senza fine e che a Cesena cerca di ripartire per non rischiare di perdere anche il secondo posto. Garcia, dopo il crollo con la Fiorentina, non può più sbagliare e invita i suoi a rialzarsi per non sprofondare in classifica. Il tecnico francese ritrova Nainggolan, assente per squalifica con la Samp, ma perde Pjanic e Keyta per squalifica, con il maliano che giovedì è anche uscito per un infortunio al ginocchio. Il Cesena viene dal brillante pareggio di San Siro con l’Inter e, in generale, dall’ultimo mese in cui ha creato difficoltà a chiunque, recuperando diversi punti nei confronti di chi lo sopravanza in classifica. Di Carlo sa però che di fronte avrà una squadra arrabbiata, che vuole riscattare le feroci critiche degli ultimi mesi, aumentate a dismisura dopo le ultime due sconfitte con Sampdoria e Fiorentina.

Proprio i blucerchiati, dopo la vittoria per 2-0 dell’Olimpico, ospitano l’Inter in un match dai mille significati. Per Mancinisarà una sfida speciale contro la squadra che l’ha consacrato da calciatore e contro Mihajlovic, suo compagno alla Lazio e vice allenatore nella prima esperienza da allenatore dell’Inter. Prima partita da ex per Samuel Eto’o, grande protagonista del triplete nel 2010, ora leader di una squadra che ha tutte le intenzioni di giocarsi tutte le carte per arrivare al terzo posto. I nerazzurri giovedì non sono riusciti nella rimonta con il Wolsfburg e ora sono obbligati a concentrarsi solo sul campionato.

Chi non vuole proprio fermarsi, ed è alla ricerca del secondo posto pur essendo partita a fari spenti ad inizio stagione, è laLazio di Pioli, reduce da cinque vittorie consecutive. I biancocelesti giocano con la consapevolezza di avere poco da perdere e questo in campo si vede. In più possono contare su Felipe Anderson, che da dicembre in poi è stato senza dubbio un fattore per l’intero campionato, realizzando 8 reti che hanno contribuito a recuperare 11 punti alla Roma. A provare ad opporsi ci sarà il Verona, che domenica ha battuto nettamente il Napoli al Bentegodi ed è in un ottimo momento di forma. Partita particolare quella del Tardini tra Parma Torino. Dopo l’arresto di Manenti, giovedì il tribunale ha decretato il fallimento della società emiliana, nominando due curatori fallimentari che dovranno verificare se ci siano le condizioni per la squadra ducale per proseguire e concludere il campionato. I granata, sono andati vicinissimi all’impresa di eliminare lo Zenit ma sono comunque usciti a testa alta dalla competizione europea. Ora, con la salvezza già in tasca, sarà un finale di stagione tranquillo per la squadra di Ventura che punta a regalare ai tifosi qualche soddisfazione come la vittoria nel derby che manca ormai da tanti anni.

Scendono in campo anche Napoli e Fiorentina, le uniche due superstiti dopo gli ottavi di finale di Europa League che l'urna di Nyon ha accoppiato rispettivamente al Wolsburg, già giustiziere dell'Inter, e Dinamo Kiev.  I partenopei hanno pareggiato 0-0 in casa della Dinamo Mosca ma hanno superato il turno in virtù del 3-1 dell’andata. La squadra di Benitez in campionato vuole approfittare della crisi della Roma per rosicchiare altri punti in vista dello scontro diretto che andrà in scena sabato prossimo all’Olimpico. Di fronte però troveranno un’Atalanta alla ricerca disperata di punti salvezza, con Reja in panchina che vuole fare uno scherzetto ai suoi ex tifosi. Dopo le critiche per il turnover di domenica, Higuain dovrebbe ritrovare il posto da titolare al centro dell’attacco azzurro. 
La Fiorentina, dopo il netto 3-0 con cui ha annichilito la Roma giovedì, prova a cavalcare l’onda anche al Friuli con l’Udinese. I viola sono a soli cinque punti dal secondo posto occupato dalla Roma e, pur provando ad arrivare in fondo in Europa, non vogliono precludersi la possibilità di accedere in Champions League direttamente dal campionato. Montella recupera Gomez, già in panchina giovedì, e sorride perchè si avvicina anche il ritorno in campo di Pepito Rossi. Dall'altra parte, dopo un periodo di flessione, la squadra di Stramaccioni ha ottenuto quattro punti nelle ultime due partite e, con una partita da recuperare, ci sono tutti i presupposti che chiudere in assoluta tranquillità questa stagione.

 

Fonte: infooggi.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom