Breaking News

Spalletti incontra i tifosi a Madonna di Campiglio: "Pallotta? E' un bel personaggio, vuole bene alla Roma" (FOTO E VIDEO)

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-07-2016 - Ore 23:00

|
Spalletti incontra i tifosi a Madonna di Campiglio:

Questa sera mister Spalletti incontra i tifosi per un saluto a Madonna di Campiglio. Il tecnico toscano interviene presso la piazza Principessa Sissi per stare insieme ai sostenitori giallorossi, accorsi in Val Gardena per seguire il ritiro della Roma. Appuntamento che è possibile seguire in diretta live sulla pagina Facebook del club capitolino.

Queste le parole dell'allenatore: 

“Immagino che siate qui per qualcos’altro… Il fatto del contatto e della conoscenza dà sempre qualcosa ai sentimenti, siamo costretti ad assorbire ancora più passione quando si va dentro il campo. Però poi è anche esagerato, si rischia di farne un cattivo uso. Cerco di impegnarmi di più, quando la gente crede in te non devi fallire, il loro contributo ti dà più forza. Però la gente si rende conto da sola, può dubitare di quello che dici ma non di quello che fai, che è visibile. Sciare? Mi piace ma vado solo dritto".

Russia?
"Veramente un bellissimo e grandissimo Paese, si è vissuta una esperienza indimenticabile per le distanze e la temperatura, loro sono abituati come se fossero in un duello personale, sono pronti a fare un po’ di guerra anche nello sport. A volte il freddo non faceva tenere gli occhi aperti, allora ci ritrovavamo in palestra e ci si parlava 5-10 minuti. Se ti allunghi nei discorsi l’attenzione scema e il messaggio non passa. Si faceva riscaldamento e poi in campo non ci si fermava mai o ti ghiacciavi. Per abituare i bambini li portano a torso nudo nella neve per 30-40 minuti. Ai tifosi dà fastidio che dalle altre parti si conosce solo il freddo della Russia, allora stanno anche loro a torso nudo 20 minuti allo stadio".

Parole in russo?
"L’essenziale. Giocare a calcio lì è bello ma bisogna dare continuità. E poi le parole e teorie di campo bisogna impararle, quando vai dentro non puoi fermare col traduttore. Mi è capitato di andare a Tomsk, in Siberia, e giocare a mezzogiorno, ma con un fusorario diverso".

Quanto è importante la fiducia nel calcio?
“Io sto volentieri con i miei calciatori. Io non devo fare delle regole, perché se le fanno da soli per il reciproco rispetto. E’ loro che devono frequentare quel locale insieme e condividerlo. Sono dei bravissimi ragazzi”.

Quanto conta un allenatore in uno spogliatoio?
“Non mi interessa. Dipende da quello che cerchi, dagli obiettivi. Tutti possono dare qualcosa di importante. Io posso imparare qualche cosa da tutti. Quelli fondamentali sono i calciatori. Se si riesce a mettere insieme la qualità individuale ed il rispetto. Non gli undici migliori ma il miglior undici” .

La tattica?
“E’ una componente. In Italia ci sono allenatori fortissimi, giovani molto bravi”.

Anche Ventura in nazionale?
“Lui l’ho avuto all’inizio quando sono arrivato nei professionisti. Io ho sempre giocato tra i dilettanti, giocavo per divertirmi. Mi ha portato lui tra i professionisti... E’ un allenatore fortissimo con una testa formidabile, uno bravo soprattutto dal punto di vista psicologico”.

Cosa la infastidisce di più?
“La stupidità. Social network? Farò qualche profilo, mi piacciono ma bisogna saperli usare, io sono così così”.

Un tifoso chiede se il tecnico crede nell’oroscopo:
“No, non lo leggo. Scaramantico? Mi sembra di no, poi non so… Non posso insegnare come gestire i social, possono però venire fuori dei problemi e se ne parla e bisogna renderne conto. Può succedere di spiegarsi male e che venga riportato dai giornalisti”.

Collegamento telefonico con Marcello Spalletti, fratello del mister:
“Spiega che quando allenavi chiamavi i giocatori asini. Cosa ti hanno regalato per Natale”. “Un asino”, l’ovvia risposta. Ancora Luciano: “Le colline toscane mi piacciono molto, ci torno quando posso”.

E ancora: “Le origini sono importantissime, mio fratello maggiore mi ha insegnato tutto. Senza di lui sare in difficoltà. In collina si sta bene e si beve bene. Anche in Russia: quando trovavo i miei calciatori nei ristoranti, in 4 anni, non c’è mai stata una bottiglia d’acqua sul tavolo… I miei figli? Non è difficile portare questo cognome, ci ha pensato la madre. Sanno difendersi, sono grandi, uno ora vive a Roma da diversi anni. Un altro fa l’università nel Michigan, mentre la più piccola è ancora con me, è uno spettacolo. 

Quanto pensa al calcio?
“Abbastanza, ormai sei nel meccanismo e nell’esasperazione italiana è difficile staccare, quando faccio qualcosa la faccio in maniera totale. Il pensiero va sempre là".

Emerson sogna le diagonali?
“Buon segno, ma io non le chiedo…”

Rimpianti per il primo ciclo nella Roma?
“Inutile pensarci. 2008? In quel momento il dispiacere fu totale, ma poi bisogna guardare avanti. Un maestro nel calcio? Ho preso da tutti, soprattutto dai dilettanti che si ingegnano per trovare la qualità, gli orari, le attrezzature. Loro mi hanno dato tantissimo, ci sono allenatori bravissimi che non hanno avuto opportunità. Il confronto ti dà dei miglioramenti importanti”.

Il primo incontro con Pallotta?
 “Ha parlato quasi sempre lui, io ascoltavo, aveva entusiasmo, era contento e voleva trasferirmi la sua carica per la Roma. Un bel personaggio, è abituato a uno sport diverso in un Paese diverso, ma vuole bene alla Roma”. 

Domande botta e risposta:
“Scudetto o Champions? Prima lo scudetto, per poi andare a giocarsi la Champions. Luciano o mister? Luciano. Sera con amici o Maldive? Gli amici. Domenichini o mia moglie? Torno sempre a casa…”.

Musica italiana o straniera?
“Italiana, Luca Barbarossa, Venditti”.

Calciatore o allenatore?
 “Tutto bello, sono stato fortunato. Ho ricordi bellissimi, tutti da portare dietro”.

Totti a 20 o a 40 anni?
 “Totti Capitano”.

Tra un mese si gioca…
 “In Russia si giocava dopo 10 ore di aereo, proviamo a farlo noi… E’ stato particolare. A volte ci lamentiamo troppo in Italia”.

Poi sul rifiuto alla Lazio da parte di Bielsa dice:
“Dispiace che lui non sia venuto in Italia a lavorare, ci sono delle frasi sue sullo spogliatoio storiche”.

 

  • 22.02 - Spalletti arriva a Madonna di Campiglio e sale sul palco, dove lo accoglie per l'intervista Matteo Vespasiani.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom