Breaking News

Una bandiera per Gianni Elsner, voce di Roma

condividi su facebook condividi su twitter Di: Francesca Ceci 22-07-2013 - Ore 18:14

|
Una bandiera per Gianni Elsner, voce di Roma

E' il 1976: Gianni Elsner, da Merano, inizia casualmente a collaborare con l'emittente romana Radio Luna di Sergio Talia. La trasmissione si chiama TE LO FACCIO VEDERE CHI SONO IO e prende il nome dal titolo di una canzone di Piero Ciampi. L'idea di usarla come sigla gli viene dal suo grande amico Luciano Re Cecconi, calciatore della Lazio, sua squadra del cuore.
L'impegno, che doveva essere temporaneo, va avanti per oltre trent'anni, spaziando dallo sport alla cultura, al sociale: le poesie, le letture in radio del prof. Trento Morera, le adozioni dei suoi "bambuccini" del Paraguay - che continuano ancora oggi grazie all'Associazione Gianni Elsner http://www.associazionegiannielsner.it/ -  la cartolina per Riccardino, le nonnine della Magliana, le sue battaglie a fianco dei meno fortunati.

E' questa la storia di Gianni Elsner, uomo generoso, grande artista, insuperabile protagonista dell'etere romano e anche la migliore incarnazione del tifoso laziale.
Ma lui fa il miracolo. Poco importa se il suo cuore è tutto biancoceleste, la sua trasmissione diventa un appuntamento imperdibile anche per i tifosi di fede giallorossa.
Mai fazioso, sempre alla ricerca della verità, diventa il compagno di viaggio che tutti vorrebbero. Non è romano, ma difende e ama Roma meglio di quanto farebbe uno che a Roma ci è nato. Perchè il suo amore per questa città non gli è stato imposto per diritto di nascita ed è, in questo senso, che è persino più puro e coraggioso. Sì, perchè lui Roma l'ha scelta, se l'è sentita addosso, se n'è preso cura dedicando una vita intera, la sua, ai problemi della città eterna e dei suoi abitanti.

Il suo amore per la Lazio l'ha gridato, raccontato e recitato con forza e passione senza che questo fosse mai un limite. Tanto Elsner lo avresti amato comunque. E lui lo sapeva. Lo avresti amato come si ama una poesia, una bella canzone. Un dono che non ti aspetti. Perchè, si sa, la gente la bellezza la cerca, la riconosce e quando la trova se la tiene stretta. Non c'entra niente la fede sportiva.
Quando se ne va, il 5 ottobre del 2009 dopo una malattia, lascia un vuoto difficile da riempire. La trasmissione continua ad andare avanti ancora per un po', poi si interrompe.
A continuare l'eredità lasciata da Gianni, c'è il gruppo Facebook TE LO FACCIO VEDERE CHI SONO IO nato dall'amore dei suoi ascoltatori, che porta il nome della trasmissione https://www.facebook.com/groups/89517040454/?ref=ts&fref=ts

Un'ondata d'amore infinito che non conosce sosta tanto che, ogni giorno, ognuno testimonia il suo amore per Gianni attraverso ricordi, aneddoti, anche solo un saluto che lascia in bacheca. Come dire, i tuoi ascoltatori ci sono, sono qui. Sulle tue orme. Chi conosce , sa.
Ed è proprio di questi giorni un'iniziativa lanciata dai membri del gruppo: una bandiera che ritrae Gianni Elsner sventolerà all'Olimpico ogni volta che la sua amata Lazio scenderà in campo. Il debutto, molto probabimente, il 18 agosto in occasione della finale di Supercoppa Italiana contro la Juventus. Una bandiera per ricordare un amore così grande. Un amore cosi.

Lo stesso amore che Roma continuerà sempre a tributare ad un piccolo, grande uomo che ha accarezzato e reso più bella la vita di tanti romani. Come una poesia.
Compresa quella di chi scrive, una "sciamannata" tifosa romanista. Grazie Gianni.

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

GIANCARLO SAVI 28/07/2013 - Ore 09:36

Lo incontrai per la prima volta, quando era a Radio Luna. Andava a pranzo all' Antico Falcone in via Trionfale.La Lazio era in B,quella Domenica giocava fuori casa con il Genoa. Ero preoccupato per quella trasferta, ma lui mi disse: oggi vinciamo,e fu così.

tiziana 24/07/2013 - Ore 16:39

Che dire traspare nel tuo articolo, il desiderio di far sentire vivo il suo ricordo,attraverso gli amici ,i tifosi ,l'associazione,il gruppo che vive il suo ricordo cercando di seguire le sue orme.

Simone C. 24/07/2013 - Ore 01:29

Ed io che ho avuto l'onore di conoscerlo, crescere e lavorarci insieme beh posso dire che non avrei potuto scrivere di meglio :) Grazie Francesca per questo articolo e grazie agli "Sciamannati" che a distanza di quasi quattro anni portano Gianni nel cuore e non solo... Non vedo l'ora di vedere quella bandiera sventolare fiera all'Olimpico!!!

Deb 23/07/2013 - Ore 11:20

Grazieeeee!!! Hai descritto con poche righe un uomo speciale. Grazie di cuore

Mister Calvin 22/07/2013 - Ore 23:36

L'idea della bandiera...eccezionale ! Ciao a tutti voi,amici di Gianni e ,quindi,amici miei. P.S. Quanto mi manchi....

fabio varchi 22/07/2013 - Ore 18:48

io dal 1983 che ascolto. dico ascolto perche gianni e ancora dentro i miei pensieri .e voglio dire che io sono un tifoso romanista cosa dire di gianni una bella persona mi manca un sacco.mi manca un attimino i bambuccini la torta di mele e sopratutto accendere la radio alle 10.00 su radio sei e non sentire la sigla te lo faccio vedere chi sono io ti mando un bacione ..gianni..

Orlando 22/07/2013 - Ore 18:41

Grazie Francesca.... bravissima!

chiudi popup Damicom