Breaking News

Vedova RACITI: "Clima di violenza tra Roma e Napoli mi terrorizza"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-10-2014 - Ore 15:33

|
Vedova RACITI:

Il divieto di trasferta per i tifosi della Roma a Napoli «è una sconfitta per i cittadini onesti e per i veri tifosi», ma d'altra parte «era una misura necessaria» perché «bisogna educare chi utilizza impropriamente questo nome di tifoso e, per farlo, bisogna adottare misure forti». La pensa così Marisa Grasso, vedova dell'ispettore di polizia Filippo Raciti, morto dopo gli scontri tra tifosi del Catania e del Palermo nel 2007. Grasso, a Napoli per un seminario all'università «Federico II», ha parlato di «clima di violenza che mi terrorizza» e ha spiegato di voler portare la propria testimonianza «per far conoscere agli altri gli effetti devastanti della violenza». La vedova dell'ispettore Raciti è tornata anche sulla maglia «Speziale libero», diffusa nel mondo ultras e nota in particolare per essere stata indossata da Gennaro De Tommaso, il tifoso napoletano detto Genny la carogna immortalato dalle immagini tv nel prepartita della finale di Coppa Italia il 3 maggio scorso: «Fa male vedere magliette che inneggiano a persone violente e che sono gli assassini di mio marito - ha detto - fa male anche questa sorta di trattativa, le violenze e il morto fuori dallo stadio. A casa mia è cambiato tutto, mentre fuori le cose non cambiano. Quando tutti andranno a vedere la partita, io andrò al cimitero a ricordare mio marito. Questo - ha concluso - fa più male».

Fonte: Adnkronos

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom