Breaking News

VISTI DALLA CURVA Napoli Roma 3 a 0

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-02-2014 - Ore 22:59

|
VISTI DALLA CURVA Napoli Roma 3 a 0

Oggi c'è una finale da conquistare, e deve essere Tua. Se la merita la gente, se la merita la Città. Perché questa é la Coppa di Tutti, e passare indenni stasera vuol dire avere la possibilità di giocartela a casa Tua. Di nuovo l'azzurro, terza volta in una settimana. Il pensiero é fisso, il vantaggio da difendere esiguo, 90 minuti da affrontare lunghissimi. Ma l'obbiettivo è lì, a portata di mano, solo il Napoli davanti. SE INSISTI E RESISTI, RAGGIUNGI E CONQUISTI. E negli ultimi anni hai insistito sempre, resistito a colpi pesantissimi, hai raggiunto e sfiorato, adesso é ora di conquistare. Conquistare Napoli prima di tutto. Due risultati a disposizione, ma non si fanno calcoli, mai. Ogni partita come una battaglia, ogni trasferta come una spedizione in terra straniera, ogni azione come un assalto. Non c'è sosta fino a quando il vessillo avversario non sarà conquistato. Ancora negli occhi, e nel cuore, le luci, i suoni, i colori di un pomeriggio come quello di domenica che poteva e doveva finire diversamente nel risultato, ma in cui chi porta il Nome di questa Città non si è tirato indietro dando vita ad una dimostrazione di passione senza rivali. Il giallo ocra e il rosso pompeiano in un quadro d'autore porteranno il loro scintillio e il loro significato anche in casa dei partenopei per cercare di prendere quella che la Storia che gli deve di diritto. Finché anche una sola bandiera continuerà incessantemente a sventolare tutto questo avrà ancora un senso. Questa sera non ci sono appelli. Facta non verba... E sono i fatti che conteranno stasera. Non conta il bel gioco, non conta quello fatto fino ad ora, conta solo il risultato. Hai la testa che fa male, lo stomaco sottosopra, sei teso, pronto a scattare e se ti chiedono perché ti senti così tu lo sai ma non puoi rispondere perché SIAMO COSÌ, È DIFFICILE SPIEGARE, GIOIE E GIORNATE AMARE, LASCIA STARE. Ma sai che chi come Te stasera avrà i battiti del cuore alla velocità della palla, con Loro basterà uno sguardo e sarà tutto chiaro. Si parte e poco dopo un intervento alla disperata ti nega vantaggio e un po' di tranquillità. Senti che ce la puoi fare e azione dopo azione continui a guardare il tempo che non passa mai. Poi Ti rubano palla e partono in contropiede. Fai fallo pensi. Il fallo arriva e per fortuna è solo giallo. Ad un tratto attaccano la Tua area. Il cross in mezzo trova la testa sbagliata. Il Napoli esulta e sei in svantaggio. 0-1. Adesso sei fuori e riguardi il cronometro. C'è tempo per recuperare ma il primo tempo finisce e Ti lascia con troppi pensieri, ma una certezza. Si può fare. Ce la devi fare. E si riparte. Ma male, molto male. Angolo, spizzata e ancora colpo di testa. Sei sotto 0-2. Non demordi. Sempre due devi farne e ancora non è finita. Ora un sussulto ma l'urlo ti rimane in gola. La palla in rete ma la bandierina è alzata. E ancora tiro alle stelle, punizione alta, colpo di testa di poco fuori. Niente, sembra una serata stregata. Il tempo scorre, adesso troppo veloce. E più i secondi passano e più ti allontani dal traguardo. Poi 0-3 il colpo è duro e tutto si allontana. Ci vuole una scossa. Rimani in 10 e manca poco. Ora è un conto alla rovescia amaro. Gli olè ti fanno male. Al triplice fischio rimane l'orgoglio e il privilegio di portare in alto questi Colori. La finale ti è sfuggita, scivolata dalle mani. Domani ancora a testa alta. La ferita diverrà cicatrice e indurirà la pelle per la prossime battaglie a cominciare da quella di domenica per cui, forse non ti permetteranno di essere al Tuo posto ma il cuore sicuramente sarà lì, dietro la porta, nella Curva di questa Città perché CHE SARÀ SARÀ... OVUNQUE TI SEGUIREM... OVUNQUE TI SOSTERREM... CHE SARÀ, SARÀ...

 

 

Fonte: Alessandro Capone

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom