Breaking News

Visti dalla Curva - Parma vs Roma 1 a 2

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-09-2014 - Ore 10:37

|
Visti dalla Curva - Parma vs Roma 1 a 2

Il turno di campionato di mercoledì ti spezza la settimana. Hai una vetta e dei sogni da difendere, come al solito con tanta voglia e senza paura. La giornata scorre a lavoro con la testa però già alla sfida con il Parma. Avvicinandoti alla partita i pensieri vanno a quella rappresentanza giallo ocra e rosso pompeiano che avrà il privilegio e il vanto di poter sostenere la Maglia anche per chi, per qualsiasi motivo, voleva ma non è potuto esser presente. È come fossimo tutti ugualmente insieme, sotto la bandiera e con le braccia al cielo per soffrire i Nostri due tempi più recupero. Perché, a parte tutto, il calcio moderno, le tv e i milioni, è ancora il sentimento a rendere magici questi momenti, queste serate. Il sentimento che non puoi spiegare a chi non può capire, a chi non prova e a chi questi attimi non può farli suoi. In fondo è bello così, perché è tutto gelosamente custodito da chi sa godersela a pieno insieme a chi lo capisce con uno sguardo. Non esiste gesto tecnico che può sostituirsi ad un abbraccio dopo un gol. Non c'è sconfitta peggiore dell'espressione affranta di un compagno di avventura dopo un gol subito. Non c'è trofeo talmente bello e luccicante di fronte agli occhi felici di chi ha dato tutte le sue emozioni e combattuto fino alla fine per raggiungerlo. DICONO VAI ALLO STADIO SEI UN DEFICIENTE... forse sarà anche così, ma Noi siamo quelli che ancora trovano il motivo per restare uniti, siamo quelli che tante delle persone più care che hanno, le hanno trovate e continuano a trovarle sempre qui al proprio fianco, dentro e fuori dallo Stadio che se non ci fosse stato non ci si sarebbe mai incontrati. Siamo quelli che SUPERIAMO GLI OSTACOLI. Siamo quelli che QUANDO L'INNO S'ALZERA' saremo lì a cercare di tenerlo alto. Siamo quelli COR CORE ACCESO che ancora con la VOGLIA DI STRINGERSI UN PO. Siamo semplicemente quelli che ancora sognano e sanno emozionarsi per una Passione che portano nel cuore. Oggi altra battaglia, altro terreno da conquistare. Senti di potercela fare, ma rimane pur sempre una trasferta con tutti i timori che ogni volta si porta dietro. Vuoi scacciarli, non fai calcoli e ti prepari. Tutta questa Passione, questo vivere la Squadra, questa Città, meritano traguardi importanti anche se le strade complicate. La svolta di oggi ti mette davanti ai gialloblù emiliani e l'unica cosa che ora ti passa per la testa è batterli. Il buio è ormai calato e aspetta solo di essere illuminato dalla gioia e dalla bellezza di questa Maglia che scende in campo. La tensione comincia a salire e il fischio di inizio è ormai vicino. Poi si parte e il Tuo mondo è come se fosse sospeso. Non pensi a nulla se non all'obbiettivo finale. La palla inizia a girare e sogni e speranze si mischiano in un misto di emozioni. Davanti a Te il muro gialloblù deve essere abbattuto. Trattieni il respiro su un cross in area avversaria, ma sfila lunga senza che nessuno ci arrivi. Si continua a premere e un passaggio a scavalcare la difesa ti rimette davanti al portiere. Il tiro è forte sotto le gambe del portiere e di li a poco stai esultando. 1-0. Sei in vantaggio. Ora vuoi chiuderla e respingere gli attacchi emiliani. La fine del primo tempo ti lascia un quarto d'ora in cui senti la tensione ancora troppo alta. Si riparte e devi difendere. Sembra tutto sotto controllo quando un tiro verso la Tua porta lo accompagni con lo sguardo come ad aiutare il portiere. Non sei tranquillo, e sul calcio d'angolo che ne segue una marcatura non è perfetta. La palla passa sotto la traversa e il tardini esulta. 1-1. Sei stato ripreso. Mantieni la calma, c'è ancora tempo. Il pallone comincia a farsi pesante man mano che i minuti passano. Ad un tratto sei ancora in area e sgrani gli occhi. L'attesa della festa è rovinata da un piede avversario che all'ultimo respiro ti toglie l'urlo dalla bocca lasciandoti solo una imprecazione. Manca ormai poco e senti la pressione. Continui ad aggirare l'area parmense ma non si passa. All'ennesimo scambio arriva il fallo. È punizione dal limite. La barriera è folta e sembra esserci tutta Parma. Poi la battuta e la palla passa sopra la barriera. Vedi tutto a rallentatore e va a toccare la traversa prima di scuotere la rete in gialloblù. 2-1. Sei di nuovo sopra, sei di nuovo in vantaggio, sei di nuovo in vetta. Poi i minuti che seguono sono un conto alla rovescia che l'arbitro fa terminare con il triplice fischio. Tiri un sospiro di sollievo, l'hai portata a casa. Ora guardi avanti e vedi ancora gialloblù, questa volta quello veronese. Non c'è tempo per fermarsi, è il tempo di continuare a sognare e sabato sarai ancora li, pronto, con le braccia al cielo a dire, insieme agli altri, che ROMA CE SA FA.

 

Fonte: Alessandro Capone

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom