Breaking News

Walter Sabatini da direttore sportivo a "Trading Players Manager"

condividi su facebook condividi su twitter Di: Gabriele Nobile 28-08-2013 - Ore 16:08

|
Walter Sabatini da direttore sportivo a

Aprile 2011: la trattativa per cedere la Roma alla cordata USA era quasi in fase conclusiva e il primo tra i nomi dei papabili per la carica di  direttore sportivo per la nuova AS Roma era proprio quello di Walter SABATINI, ex ala sinistra (aveva giocato anche nella Roma degli anni ’70) e già direttore sportivo di squadre come Palermo e Lazio. In attesa di Franco BALDINI ( che sarebbe arrivato ad ottobre) le decisioni del primo calcio mercato, furono condivise tra Sabatini, la nuova dirigenza Americana (con presidente Thomas Di Benedetto) con la supervisione proprio di Baldini, che si impose per affidare la prima squadra al novello Luis Enrique (ex squadra B del Barcellona allenato da Pep Guardiola); fu un calcio mercato difficile, quasi “Last Minute” racchiuso e concretizzato negli ultimi giorni del mese di Agosto, dove alla corte del tecnico spagnolo, arrivarono oltre 10 giocatori, operazioni più o meno importanti, ed altre di contorno, Tra i nomi di spicco, quello di Erik LAMELA ( 18 milioni al River Plate), Pablo Osvaldo ( 16 milioni all’Espanyol), Miralem Pjanic ( 11 milioni al Lione), Marteen Stekelenburg (7 milioni all’Ajax) e così via..Tra le cessioni, la più importante fu quella di Vucinic alla Juventus (oltre 15 milioni dai bianconeri)

Senza entrare nello specifico di ognuna delle singoli operazioni di “Transfer Market” dei due anni che poi sono seguiti, e senza entrare nel merito di quelli che sono i risultati della gestione sportiva (comunque ampliamente negativi) il vero salto di qualità del DS Romanista, è stato quello di creare una nuova figura professionale, nuova per il mondo del calcio, passando dalla figura classica del  direttore sportivo a vero e proprio “Trading Players Manager”; spieghiamo meglio:

La figura professionale di un Direttore Sportivo, per anni è sempre stata quella di accompagnare la squadra in una crescita, sia dei singoli che del gruppo, ascoltando le direttive sia della società che quelle del trainer, che tutti i giorni allena e valuta singolarmente ogni calciatore messogli a disposizione da DS. Alcuni di loro, sono leggermente più aziendalisti, altri meno..alcuni (nel passato) hanno consolidato la loro posizione all’interno delle società per le quali lavoravano, con altre cariche più o meno prestigiose ( su tutti Luciano Moggi). Walter Sabatini no.

Sabatini è un “Unicum”, si pensava fosse stato scelto, per le sue qualità di fare “Scouting”, ovvero di fine conoscitore di ogni campionato mondiale, e sempre pronto per aggiudicarsi il miglior talento giovane, a livello globale, anche, ma il punto non è questo..

Walter Sabatini, in queste finestre di calcio mercato ( 3 estive e 2 invernali) ha movimentato una cosa come 190 milioni di euro in uscita ed oltre 122 milioni in entrata (non abbiamo calcolato le imminenti operazioni di Erik Lamela e Adam Ljajic ), con il conseguente trasferimento di 110 calciatori ( quelli acquistati) ed oltre 80 quelli ceduti ( compresi i primavera, i fine prestito etc.). *

Sabatini, in questi due anni ha dimostrato di non essere un vero direttore sportivo classico, ma qualcosa di più, sviluppando un "Sistema Di Trading" usando cioè una metodologia rigorosamente definita, utilizzando determinate regole per decidere quando comprare o quando vendere sul mercato calcistico, con lo scopo di generare un sistema che sia ( o almeno si spera) nel medio lungo periodo, profittevole per l'investitore, quindi per la AS Roma, ed i soci che la rappresentano. E' importante sottolineare che un sistema di trading non è (necessariamente) uno strumento “Previsivo”, questo vale per la finanza, figuriamoci per il calcio.

I risultati sportivi non sono stati per nulla soddisfacenti in queste stagioni, forse Walter Sabatini ha un "pochino esagerato", nella sua attività, ma la prova del fuoco ci sarà nella stagione, appena iniziata.

Il “Trading”non può essere sostitutivo alla tattica, la tecnica oltre alle motivazioni che ogni singolo giocatore deve mettere in campo. I tifosi della Roma, sperano che questa sia la volta buona, altrimenti riteniamo, che dalla prossima finestra di mercato, il management giallorosso opterà per un ritorno all’antico!

 

*Fonte Transfer Market

VAI AL LINK

Fonte: Insideroma

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom