Calciomercato

Arriva il regalo di Ferragosto, la Roma non ha paura della Champions League e gioca d'azzardo

condividi su facebook condividi su twitter Di: Davide Aprilini 15-08-2016 - Ore 10:00

|
Arriva il regalo di Ferragosto, la Roma non ha paura della Champions League e gioca d'azzardo

La società sta portando a termine una trattativa d'oro. Quella più cercata e più acclamata dall'ambiente, interno ed esterno alle mura di Trigoria: il terzino destro. Bruno Peres è il regalo di questo Ferragosto giallorosso, salvo colpi di scena piuttosto sgraditi. Il brasiliano del Torino è stato accostato per anni alla Roma, ma finalmente si sta concretizzando il suo passaggio alla corte di Luciano Spalletti. L'arrivo di Bruno Peres desta scalpore in tutti coloro che hanno passato l'intera estate a dubitare della volontà, da parte della società, di fare mercato a prescindere dal passaggio del turno in Champions League.

NUMERI DEL MERCATO GIALLOROSSO Vero è che la Roma in questo mercato ha prima venduto e poi acquistato, ma è una cronologia bruscamente interrotta dai numerosi ed onerosi riscatti portati a termine in estate. E osservando gli altri club il discorso è simile o quantomeno inverso (vedi la Juventus, che dopo aver acquisto sta vendendo, attualmente il bilancio del mercato bianconero è di -11 milioni di euro).

  • IN USCITA oltre a Miralem Pjanic (32 milioni incassati) ci sono anche: Adem Ljajic (8,50 milioni); Dodò (cui la Roma ha incassato 7,80 milioni), Antonio Sanabria (7,5 milioni iniziali con eventuale recompra); Matteo Politano (3,50 milioni); Seydou Doumbia (Spesa di prestito del Basilea di 2 milioni), Ervin Zukanovic (prestito oneroso da 1 milione di euro); Leandro Castan (anche qui prestito oneroso per 500 mila euro); Tomas Vestenicky (ceduto al Cracovia per 300 mila euro); Crescenzi (300 mila euro dal Pescara). Il totale delle entrate dalle cessioni è di 63,40 milioni di euro. Una bella cifra che però non basta a colmare le spese di questo mercato.

  • IN ENTRATA arrivano il giovane Gerson (16,60 milioni di euro per il riscatto del cartellino); il riscatto del cartellino di Mohamed Salah (15 milioni di euro); il riscatto di Stephan El Shaarawy (13 milioni); il riscatto di Edin Dzeko (11 milioni); il riscatto di Diego Perotti (9 milioni di euro); il riscatto di Antonio Rudiger (9 milioni di euro); l'acquisto di Alisson (8 milioni di euro); la spesa per il prestito di Mario Rui (3 milioni di euro); il riscatto di Ervin Zukanovic (2,80 milioni di euro); il riscatto di Abdulahi Nura (2,50 milioni di euro); il riscatto di Sadiq Umar (2,50 milioni di euro); la spesa di prestito per Juan Jesus (2 milioni di euro); il riscatto di Norbert Gyomber (1,50 milioni); la spesa per il prestito di Federico Fazio (1,20 milioni di euro) e poi il perstito gratuito di Thomas Vermaelen e Moustapha Seck. Il totale della spesa per gli acquisti di questo calciomercato è già di 97,10 milioni di euro. .

LA ROMA GIOCA D'AZZARDO E QUEL PRELIMINARE... – Il bilancio di questo calciomercato è di -33,70 milioni di euro, negativo che, con l'arrivo ormai dato per scontato di Bruno Peres, può aumentare ancora. Ma attenzione, tutto dipende dalla formula effettiva del trasferimento del brasiliano in giallorosso. Da escludere che la totalità della somma del cartellino venga calcolata all'interno di questa finestra di mercato, più probabile un riscatto oneroso che spalmi l'acquisto sino al 2017. Con il passaggio ai gironi di Champions League, il negativo del club sarà completamente annullato e l'ingresso di nuove liquidità permetterà alla Roma di saldare ogni tipo di problema attualmente esistente, oltre a rendere possibile nuovi ritocchi all'interno della rosa. Con la mancata qualificazione alla fase finale della Champions League, si riaprirebbero nuovamente questioni di bilancio piuttosto delicate, specialmente quelle relative al Financial-Fair-Play. Ma alla Roma sembra interessare poco e gioca d'azzardo. Sulla scia di quanto detto da Thomas Vermaelen in conferenza stampa: “Col Porto niente scuse”.

Insomma, alla faccia di chi per tutta l'estate ha più volte sottolineato come la Roma aspettasse l'esito dei preliminari per intervenire sul mercato, o a coloro che definivano il club giallorosso come 'povero' e gestito da 'straccioni'. Buon Ferragosto.

Fonte: INSIDEROMA.COM - APRILINI

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom