Calciomercato

Calciomercato Roma - I possibili scenari e le strategie di mercato di Walter Sabatini

condividi su facebook condividi su twitter Di: Squadra Mercato 23-12-2015 - Ore 16:20

|
Calciomercato Roma - I possibili scenari e le strategie di mercato di Walter Sabatini

Archiviato il 2015 con la Roma che ritorna alla vittoria contro il Genoa all’Olimpico, ricomincia la fase del calciomercato, con la sessione invernale che ufficialmente aprirà martedì 5 gennaio 2016 per terminare martedì 2 febbraio 2016 alle ore 23.00. In casa Roma, però, il mercato non si ferma mai visto che il DS romanista, Walter Sabatini, se ne occupa personalmente 365 giorni l’anno. Le attività di “Player Trading” messe in atto dall’istrionico direttore sportivo umbro della Roma, hanno permesso alla società di piazzale Dino Viola di sistemarsi in sede di bilanci garantendosi ottime plusvalenze, ma per vincere o per lo meno per provarci serve altro e questo lo sa bene anche Sabatini, nonostante quanto di buono fatto anche nella sessione estiva che ha visto l’arrivo a Roma di giocatori importanti come Dzeko, Salah, Digne, Antonio Rüdiger e  Szczęsny, oltre ad altri giocatori di contorno e poco utilizzati dal tecnico Garcia come William Vainqueur,  Emerson Palmieri e Norbert Gyömber, ma stimatissimi da Sabatini.

Con un ottavo di finale di Champions League difficilissimo contro il Real Madrid di CR7 e Bale, senza la possibilità di giocare in Tim Cup, a causa della scellerata eliminazione contro lo Spezia, le gare da giocare fino a fine stagione non saranno più di 23 (sperando che la Roma comunque passi contro il Madrid, ma riteniamo essere un’impresa ardua) e quindi la rosa attuale della compagine giallorossa darebbe piena soddisfazione al tecnico francese, sempre se non verrà esonerato prima. Aldilà delle rotazioni fisiologiche (squalifiche, infortuni etc) la rosa della Roma è stata costruita in estate per avere diversi ricambi per ogni reparto, lo stesso Sabatini ritiene che Emerson Palmieri sia un ottimo gregario anche in sostituzione del sempre presente Digne; ma allo stato attuale ed in previsione di uno sprint decisivo per tentare di lottare per lo scudetto (sono 4 i punti che distanziano la Roma dalla capolista Inter) o per provare a garantirsi un posto utile per la Champions League con il Napoli e la Fiorentina distanti solo 3 punti, Sabatini dovrà ergersi a protagonista per tentare di piazzare un paio di colpi importanti, tralasciando, almeno per il momento, le operazioni di contorno e quelle per le stagioni future che partono già da una buona base visto gli acquisti di Gerson e quello molto probabile di Alisson per il ruolo di portiere in entrata. Se così non fosse, meglio tenere tutto fermo per la prossima sessione, quella estiva.

Proviamo ad analizzare, ruolo per ruolo gli scenari di calciomercato.

PORTIERE – Tutto ruota intorno a Wojciech Szczęsny, portiere di sicuro affidamento ma di proprietà dell’Arsenal, il polacco difficilmente rimarrà un secondo anno a Roma: Sabatini per il delicato ruolo ritiene che il profilo giusto possa essere quello del Brasiliano Alisson, portiere dell’Internacional e della Seleção. La concorrenza con la Juve non preoccupa il Ds della Roma, in quanto i suoi rapporti sono privilegiati, ritenendo inoltre che il brasiliano difficilmente entrerebbe in competizione con Buffon alla Juve (anche in base a quanto accaduto in questa stagione con il suo collega e compatriota Neto, che di spazio se ne è ritagliato veramente poco). Alisson sbarcherà nella capitale in estate ed occuperà una delle due caselle destinate ai calciatori extracomunitari. Sabatini fino all’ultimo ha fatto un tentativo per inserirsi nella “querelle” tra l’Inter ed Handanovič per il tanto sospirato rinnovo dello sloveno con i nerazzurri. Il gigante di Lubiana ad oggi non ha ancora rinnovato con il club, con un contratto in scadenza al 30 giugno 2016 (dal 3 febbraio 2016, i giocatori in scadenza di contratto al 30 giugno 2016 possono firmare nuovi contratti per la stagione successiva) Molti danno l’operazione in conclusione, altri ritengono che i ritardi per il rinnovo siano dovuti proprio all’intromissione di Sabatini che ritiene Samir un portiere affidabile e di rendimento con uno stipendio intorno ai 2.5 milioni a stagione, ma soprattutto da prendere gratis e non occupare quindi budget che lo stesso Sabatini potrebbe dirottare su altri reparti.

DIFESA – Tutto ruota intorno alle condizioni di Leo Castan, rientrato parzialmente dopo l’operazione alla testa, sembrerebbe ancora in ritardo di condizione. Le poche presenze del difensore brasiliano hanno accelerato l’inserimento di Antonio Rüdiger, arrivato in estate con dei piccoli fastidi fisici ma subito schierato da Garcia dopo una breve parentesi che ha visto retrocedere De Rossi nella linea dei difensori centrali. Il giovane nazionale tedesco ha dimostrato alcuni limiti tecnici ma, almeno nelle ultime partite disputate, ha fatto vedere qualcosa di buono specialmente dal punto di vista caratteriale e fisico. Garcia ci punta e lo dimostrano i circa 1.470 minuti effettivi nei quali il tecnico di Nemours l’ha schierato in Campionato, Champions e Tim Cup. Manolas non si discute; è lui il vero leader della difesa romanista, unica incognita è la sua permanenza nella capitale anche per la prossima stagione, sul greco, da tempo, sono accesi i fari di molti club della Premier League con l’Arsenal e Chelsea che farebbe follie per aggiudicarsi le prestazioni dell’ellenico: situazione da rivedere a giugno e valutare se Sabatini si vorrà privare dell’ex Olympiacos magari ricavandone cifre importanti (30/35 milioni) da rinvestire nel calcio mercato 2016. Con Florenzi titolare del ruolo di terzino destro e Digne di quello sinistro, ed in previsione dei 20/22 match che la Roma dovrà affrontare da gennaio a fine maggio, servirebbe almeno un‘alternativa di qualità (Maicon e Torosidis non hanno dato garanzia almeno fino ad oggi). Per il ruolo di vice Digne, Sabatini ha seguito il bosniaco Sead Kolasinac, terzino del ’93 attualmente in forza allo Schalke 04 (per lui sono 14 le presenze stagionali con il club tedesco per un totale di 814 minuti giocati, di cui solamente una manciata da titolare) panchinaro nel passato recente a Gelsenkirchen e presumibile stessa fine a Roma, con l’unica differenza che a pagarne le conseguenze sarà Emerson Palmieri che diventerà il vice del vice di Digne. Si dice sempre che nella finestra di mercato invernale, non vengano mai ceduti giocatori di grande calibro; in questa logica (e dopo gli errori dello scorso campionato con gli arrivi di Doumbia, Spolli ed Ibarbo). Ci raccontano di come Sabatini stia lavorando per un grande centrale di difesa per la prossima sessione estiva, valutando le offerte già arrivate per Manolas. Tappare un buco con giocatori simili ad  Heurteaux dell’Udinese, potrebbe rivelarsi una mossa strategicamente sbagliata.

CENTROCAMPO – In attesa del rientro di Strooman (febbraio 2016) a centrocampo la Roma è coperta; nella logica delle rotazioni Pjanic, Nainggolan e De Rossi, titolari nella mente di Garcia, hanno alle loro spalle giocatori di sicuro affidamento come Vainqueur, Keita più il jolly Uçan . Nelle gerarchie del tecnico francese, Vainqueur ha preso il posto di Keita. Ora è l’ex Dinamo Mosca il primo sostituto in caso di necessità. Il reparto di centrocampo, nelle emergenze, può contare anche su Iago Falque. Spesso infatti in questa prima parte della stagione, Garcia, in alcune fasi di gioco, ha adattato l’ex genoano anche in ruoli di copertura come esterno in un 4-4-2 più difensivo e spesso anche come trequartista. Reparto di centrocampo che, almeno nella sessione invernale, non necessita di alcun tipo di ritocco.

ATTACCO – Il colpo della cessione, anche se non ancora ufficiale, di Manuel Iturbe alla squadra inglese del Bournemouth per una cifra intorno ai 23/24 milioni di euro, oltre a sistemare le casse giallorosse e creare una plusvalenza interessante visto che l’argentino era stato acquistato 17 mesi fa per una cifra intorno ai 24 milioni più commissioni, potrebbe dare a Sabatini il carburante necessario per centrare un attaccante da affiancare a quelli che sono già in organico, ovvero Dzeko, Salah Gervinho, Iago Falque e da poco anche il giovane Sadiq (promosso in pianta stabile dalla primavera di Alberto De Rossi). Il totale di attaccanti fa 5 giocatori di spessore: a questi andrà aggiunto il capitano della Roma, Francesco Totti, sempre più vicino al rientro dopo l’infortunio che l’ha tenuto lontano dal campo di gioco per quasi 3 mesi. Ripetiamo, nelle 23/25 partite che mancano da qui alla fine della stagione, 6 giocatori non sono pochi, anche in un modulo come quello adottato da Garcia che ne prevede sempre 3 in campo. Se, invece, il DS della Roma vorrà trovare un valido sostituto ad Iturbe il nome più caldo è quello del genoano Diego Perotti. Sono 14 le presenze in questa stagione in Liguria ed un solo gol in 978’ minuti giocati; un buon panchinaro, ma nulla di più visto anche il suo curriculum che non l‘ha mai visto protagonista nella sua carriera se non in una piccola parte della stagione passata con il club della lanterna. Altro nome caldo è quello di Gregoire Defrel, dalla scorsa estate un giocatore del Sassuolo, gli incursori di Sabatini hanno già fatto un sondaggio per l'attaccante francese, ricevendo una chiusura da parte del club emiliano che in questa fase della stagione non vorrebbe privarsi dei giocatori, per loro, importanti.

CONCLUSIONI - Siamo sempre lì, con Sabatini che monta e rimonta la squadra in ogni sessione di mercato, la Roma sarà sempre la “Regina” del calciomercato, ma continuerà a piazzarsi, ma non a vincere come i tifosi e l’ambiente si aspettano. Per vincere, altre a spendere con intelligenza,  ci vuole anche equilibrio nelle scelte ma soprattutto dare continuità ad un progetto tecnico. Ogni giocatore in arrivo necessita di una fase di ambientamento e la Roma non si può permettere di aspettare altri giocatori visto che quelli arrivati a luglio, tipo Dzeko, Salah e Falque, sono ancora in fase di rodaggio. Sabatini tenga questo budget per un grande terzino destro (difficilmente trovabile a gennaio) e punti su un difensore centrale con il botto per giugno, puntando a tenere Manalos

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom