Calciomercato

Torres: "Andai al Milan perché mi dissero che sarei stato giocatore-chiave"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-12-2014 - Ore 12:47

|
Torres:

"Decisi di andare al Milan per giocare e perché mi dicevano che sarei stato un giocatore chiave per loro. Purtroppo dopo alcuni mesi l'allenatore ha iniziato a non puntare su di me. È una decisione che rispetto al cento per cento, ma sono stato costretto a guardare avanti e a cercare un'altra destinazione". Queste le parole un pò polemiche nel momento del congedo di Fernando Torres dal Milan. La sua esperienza italiana è durata 6 mesi e ha segnato un solo gol, ad Empoli. Ora Torres è tornato all'Atletico Madrid, squadra nella quale è cresciuto e da dove ha avuto preso il volo la sua carriera. Inzaghi ha inizialmente puntato su di lui per poi virare su Jeremy Menez, una mossa che ha dato comunque buoni frutti ai rossoneri. Torres ha rotto il silenzio in una conferenza a Dubai. "Quando si è presentata l'opportunità di tornare all'Atletico Madrid non ho avuto dubbi", spiega Torres, come riporta la stampa spagnola. "Voglio ringraziare il Milan perché ha reso più facile trovare una soluzione. Vado all'Atletico per cercare la mia felicità. Da bambino il mio sogno era quello di giocare per l'Atletico e l'ho realizzato, ora tornare è un altro sogno che si realizza", dice l'ex Blues con il sorriso. "Questa è la mia casa, ho vissuto con loro la tristezza delle sconfitte e la gioia dei trionfi. Sono saltato sul divano per i successi esattamente come loro. Nessuno -sottolinea Torres- può dubitare di quello che provo indossando di nuovo questa maglia. I tifosi dell'Atletico chiedono sempre di dare tutto in campo e posso assicurare che darò tutto e anche di più". Sotto la guida di Simeone, i 'colchoneros' si sono ritagliati un posto fra i big del calcio mondiale. "Questo club è stato fantastico negli ultimi anni e ha vinto molti trofei. C'è un momento in cui tutti devono tornare a casa e per me è un privilegio farlo. È difficile spiegare a parole come mi sento in questo momento. Non vedo l'ora di tornare a Madrid". Torres parla anche sul suo rapporto con il Chelsea: "Per me i tre anni e mezzo al Chelsea sono stati incredibili. Ho vinto la Champions League, l'Europa League e la FA Cup. Il Chelsea mi ha dato ciò che cercavo quando ho deciso di lasciare la Spagna e il Liverpool: trofei. Sono stato fortunato a vincere anche con la Spagna. Ora -conclude- spero di vincere con l'Atletico Madrid".

Fonte: Adnkronos

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom