Copa America Centenario

Al via la Copa America del Centenario

condividi su facebook condividi su twitter Di: Paolo Valenti 03-06-2016 - Ore 12:36

|
Al via la Copa America del Centenario

Ai nastri di partenza la Copa America del Centenario. Si comincia il 4 giugno con la partita inaugurale dei padroni di casa contro la Colombia (diretta Sky alle 3,30 del mattino). Non si è ancora spenta l’eco della vittoria dell’undicesima Champions League da parte del Real Madrid che il calcio internazionale riaccende subito i motori ripartendo dalla sponda occidentale dell’Atlantico. Un assaggio gustoso prima che, il 10 giugno, sarà la volta della vecchia Europa a mostrare in campo i suoi gioielli con l’inaugurazione dell’Europeo francese. Anche se non tutti sono d’accordo sul valore assoluto delle due competizioni. Chiedete a Jurgen Klinsmann, indimenticato attaccante dell’Inter tedesca del Trap e della nazionale campione del mondo nel 1990, oggi allenatore degli USA, che dopo la vittoriosa amichevole contro l’Ecuador di pochi giorni fa ha esplicitamente dichiarato che “nel torneo sudamericano ci sarà più qualità rispetto a quello del vecchio continente”. Dichiarazione sorprendente solo ad un’analisi superficiale, visto che una gara alla quale partecipa Lionel Messi vale già da sé il massimo della considerazione. Staremo a vedere. Intanto vanno fatti i complimenti a Sky che, aggiudicandosi l’esclusiva delle due manifestazioni, permetterà agli appassionati di gustare tutte le partite che, dal 4 giugno al 10 luglio, verranno giocate sulle due sponde dell’oceano. Situazione forse normale nel 2016, del tutto eccezionale per chi, nato nel decennio tra il 1965 e il 1975, quando si affacciava al mondo delle competizioni internazionali doveva fare ricerche da tesi di laurea semplicemente per trovare i trafiletti dei giornali che riportavano i risultati di tornei come la Copa America.
Si tratta di una grande occasione di visibilità ed esperienza proprio per gli Stati Uniti, che coltivano esplicitamente una voglia di crescita e di affermazione nel panorama calcistico mondiale comparabile solo a quella messa in mostra dalla Cina col suo programma di investimenti pluriennale appena varato. Klinsmann avrà la possibilità di testare la sua selezione contro avversari di livello, cosa normalmente difficile a causa dei calendari internazionali fitti di impegni che hanno spesso impedito alla nazionale a stelle e strisce di misurarsi con avversari più maturi e forti. Per gli USA è una grossa opportunità anche dal punto di vista politico-organizzativo: non è un mistero che Sunil Gulati, presidente della United States Soccer Federation, miri a ottenere l’organizzazione dei Mondiali del 2026. Una buona riuscita di questa Copa America sarebbe un biglietto da visita importante da spendere in sede di candidatura, in aggiunta al supporto garantito nello scorso mese di febbraio a Gianni Infantino per l’elezione a presidente della Fifa.
Considerazioni di politica sportiva a parte, finalmente stanotte si scende in campo: godiamoci lo spettacolo.

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom