La Squadra

Spalletti: "La squadra ha fatto tutto quello che doveva. Poi il particolare ha fatto la differenza"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-04-2016 - Ore 22:52

|
Spalletti:

Il tecnico della Roma Luciano Spalletti ai microfoni di MEDIASET PREMIUM:

Una serata un pò particolare. La Roma sembrava avere in mano la partita 

"Sono cose che nel calcio ci possono stare, è un risultato che si accetta e si va avanti"

Pregiudica qualcosa per il sogno secondo posto o resta tutto aperto?

"Dobbiamo fare buone prestazioni e buone partite. Poi si prende atto alla fine della classifica, mantenendo questo spitito e cercando di giocare a calcio, come ha fatto la squadra stasera".

Meglio guardare chi sta davanti come il Napoli o chi sta dietro come l'Inter?

"Si possono guardare tutte e due, ci dà questa possibilità? Allora guardiamo tutte e due. Ci alleniamo nella maniera giusta, non ho visto avvisaglie di un calo di attenzione. Cosa che non c’è stata, la squadra ha fatto tutto quello che doveva. Poi il particolare ha fatto la differenza. Dopo il pari ho visto la squadra vogliosa, le cose sono state fatte bene. Abbiamo colpito un paio di pali, c’è stata qualche parata, abbiamo tenuto il possesso palla per 70 minuti. Ai ragazzi dico Bravi!".

Anche a Francesco Totti?

"E’ un giocatore della squadra, quindi prende tutto quello che riguarda la squadra".

Quanto sono cresciuti Rüdiger e Manolas?

“Hanno marcato benissimo in anticipo, soffocando sul nascere l’attacco della squadra avversaria”.

Cosa non ha funzionato sulla palla inattiva da cui è arrivato il gol?

"Per me è sbagliato colpevolizzare i miei ragazzi su un episodio. In questi casi si fanno i complimenti al Bologna e si va avanti (ride, ndr). Di queste cose se ne parla nel nostro terzo tempo, negli allenamenti e nella nostra vita privata".

La squadra ha fatto una bella partita, bene specialmente nel secondo tempo e nei primi 20'.

"E’ corretto, abbiamo comandato la partita senza essere troppo cattivi, fin da subito. Ci è mancata un po’ di ferocia: siamo belli e bravi, ma anche troppo puliti tante volte. Dopo il pari ho visto la squadra corta e aggressiva, pensavo di poter portare a casa la partita. Non si può recriminare, sono cose che ci stanno e i ragazzi sono primi ad essere dispiaciuti di questo, si poteva portare a casa qualcosa di più, ma ok".

El Shaarawy sarà riscattato?

"Non ci dà un vantaggio parlarne, vi ringraziamo per l’attenzione ma è meglio non creare confusione, delle cose di mercato partiremo più in là".

Un giudizio su Dzeko?

"Aveva male a una gamba, ci ha fatto un favore ad entrare in questi 20 minuti. Aveva un problema fisico, altrimenti avrebbe giocato dal 1’. Abbiamo aspettato per il terzo cambio perché poteva avere problemi da un momento all’altro".

 

 

Luciano Spalletti ai microfoni di SKY SPORT:

Rispetto a questo ciclo oggi abbiamo visto più confusione e meno organizzazione?

"Io ho fatto un discorso alla squadra dove si poteva fare di più ma abbiamo sempre tenuto il pallino in mano, quando abbiamo spinto abbiamo preso un gol che si poteva evitare poi è normale che ci siamo un po' allungati, loro hanno palleggiato più di quello che avevamo previsto ma abbiamo fatto 70 minuti di possesso palla, 10 occasioni, tanti tiri in porta. E' chiaro che poi se non segni viene fuori questo pari che va accettato e ci rende orgogliosi lo stesso per quella che è stata la ricerca della squadra".

Totti può fare ancora la differenza?

"Se l'ho fatto giocare è per questo. Quando è entrato ha dato il suo contributo, lo stadio ha trasferito l'entusiasmo al campo, abbiamo avuto quell'impulso da cui io credevo di portare a casa la partita".

Una partita tutta all'attacco è una notizia vedere il centravanti titolare che entra al 70': è un'indicazione anche per il mercato estivo?

"Dzeko stava male, ci ha fatto un favore a giocare gli ultimi 20 minuti, si poteva fare male. Non si è allenato ieri, voleva esserci, stamani ha fatto una risonanza magnetica che ha detto che se giocava un tempo si poteva fare male".

Ho visto un Perotti meno coinvolto oggi perché ha giocato più sull'esterno che al centro: è stato un problema?

"Secondo me Perotti deve giocare più centrale perché è bravissimo quando lascia sfilare la palla e la protegge benissimo per puntare la linea difensiva avversaria. Ha un bagaglio di fiato incredibile e quindi poi ha fatto anche gol da li, chiaro che il ricordo di giocare sempre esterno lo porta ad andare in quella posizione. Oggi avevamo 3 giocatori molto esterni da quella parte la con Digne e El Shaarawy a cui piace sempre allargarsi per rientrare poi sul destro".

Szczesny è un grande portiere?

"Se lui pecca di qualcosa è di troppa sicurezza e di troppo carattere che ha. Per questa grande sicurezza che ha a volte la valuta troppo facile per le capacità che ha e in alcuni momenti può fare qualcosa di più. E' un portiere forte che a volte prender troppo sotto gamba le situazioni, perché anche stasera sul gol poteva fare di più".

Nel finale avete cercato troppo poco Dzeko con palle alte...

"Si poteva fare nel finale ma fino a quel momento sembrava che il gol dovesse arrivare presto. Vedevo che la squadra giocava bene, ci sono andati lunghi 3-4 passaggi oltre la linea difensiva che dovevano essere più mirati ma la ricerca era corretta. Nel finale potevamo alzare di più la palla ma comunque abbiamo giocato dentro l'area avversaria spesso quindi sono scelte queste. E' vero cheDzeko può darci un contributo ma ce l'hanno dato anche gli altri".

Classifica consolidata o c'è spazio per qualche sorpasso?

"C'è ancora spazio".

Vuole dire qualcosa a Manolas (in collegamento)?

"Se Manolas domani non viene all'allenamento e non fa il suo dovere secondo me ha problemi a giocare la prossima partita, gli posso dire questo. Però se si allena come ha giocato oggi va bene". 

Fonte: Mediaset Premium - Sky Sport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom