La Squadra

Buon Compleanno Roma, 87 anni di amore eterno

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-07-2014 - Ore 10:35

|
Buon Compleanno Roma, 87 anni di amore eterno

L'appuntamento, non dichiarato, è sempre lo stesso. Il sole è calato da un pezzo quando esci e le luci illuminano la Tua Città dandole quell'atmosfera unica che solo Lei sa creare. La strada, anche quella, sempre la stessa. Arrivi a Piazza del Popolo e passando fra le Chiese gemelle ti incammini su Via del Corso, mentre in lontananza intravedi l'Altare della Patria. Immerso nella Storia, passo dopo passo, ti dirigi verso il luogo dove, per un certo verso, è nata la Tua di Storia. Quella della Tua Passione, quella dei Tuoi Colori, quella dei brividi lungo la schiena. Piazza del Parlamento, Via del Campo Marzio. Giri a sinistra fra sorrisi ed emozione. Qualche altro metro è sei lì, al civico 35 di Via Uffici del Vicario davanti ad un portone. A molti potrà non dire nulla, molti si chiederanno il perché di questa a Tua passeggiata notturna in un normale giorno feriale. Giorno feriale si, normale non credi. Ti ritrovi insieme a chi come Te ha risposto alla chiamata della Sua Passione. Sei qui per Storia, Tradizione, Nome, Vessillo e Vanto. Hai il privilegio di poter salutare insieme a queste persone un compleanno speciale, quello della Tua Squadra. Era il 22 Luglio 1927 quando dietro quel portone nacque quello che oggi porti nel cuore. Ed è così grande quello che accadde che 87 anni dopo, senza doversi chiamare, senza proclami, senza pubblicità, tante persone si ritrovano davanti a questo portone in vicolo storico ad attendere la mezzanotte per un brindisi alla SQUADRA CHE DI GIOIA IMPAZZIRE CI FA.

Non importa cosa dicano almanacchi o cose simili. Il giorno è questo, il giorno è adesso. Dal 1927 quasi tutto è cambiato, ma non l'Amore e la Passione per il Giallo Ocra e il Rosso Pompeiano. Si avvicina la mezzanotte e il tempo che rimane da attendere lo si passa fra un sorso e una risata parlando di certezze e di speranze riguardanti la stagione che è appena partita. Un po' di pioggia non raffredda l'ambiente che si carica pian piano. Poi i cori che partono e le bottiglie stappate.

E adesso SO DOLORI PERCHÉ ROMA CE SA FA. I fumogeni riempiono l'aria e le torce illuminano i palazzi circostanti. Tutto è racchiuso in questo momento e niente nessuno può distrarti dal momento magico che segue. Non c'è partita, non c'è niente in palio eppure tutte queste bandiere, tutte queste voci, tutta questa gente è qui a testimoniare quello che sente. Nonostante chi vorrebbe poter gestire tutto, chi vorrebbe far passare altri messaggi, qui è solo il sentimento e il brivido a prevalere. E dopo ancora cori che rimbombano fra i vicoli della Tua Città, nelle orecchie di tutti i presenti per scelta e turisti di passaggio.

OGNI PARTITA E' 'NA VITTORIA e questa vale più di tutte. E' quella vittoria arrivata senza gioco ma fatta di pancia, è quella senza tattica ma fatta di improvvisazione, è quella passata eternamente sul filo del fuorigioco aspettando il momento propizio per puntare verso la porta. Non c'è rete, ma solo cuori da scuotere stasera. E il momento in cui tutti battono all'unisono, capisci che tutto questo vale molto più di tre punti. Poi come i fumogeni tutto si dissolve, la passeggiata ricomincia ma ora verso casa. Qualche goccia di pioggia ti bagna mentre un passo dopo l'altro, respiro dopo respiro ripensi, metro dopo metro. La testa però è ancora li è ci pensi e ci ripensi. Contro chi vorrebbe monetizzare tutto questo, contro chi vorrebbe quantificare l'emozione e la passione, contro chi vorrebbe strumentalizzare tutto questo, ci sei stato anche questa volta. Perché potevi e dovevi esserci, per accelerare quel battito, per quel brivido e quell'emozione solo per dire... BUON COMPLEANNO ROMA NOSTRA PER I TUOI PRIMI 87 ANNI.

Fonte: Alessandro Capone

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom