La Squadra

Conferenza Stampa ALLEGRI: "Non è una partita che decide la stagione"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-10-2014 - Ore 13:08

|
Conferenza Stampa ALLEGRI:

Il tecnico della Juventus Massimilano Allegri è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida con la Roma. Queste le sue parole

Giocherà Pirlo? Le sono sembrate eccessive le critiche alla squadra dopo la partita di Madrid?
Con Andrea ci ho parlato ieri, valutiamo oggi. E’ un mese e mezzo praticamente che non gioca, non ha minutaggio nelle gambe, quindi tra oggi e domani valuterò. L’importante è riaverlo nelle condizioni migliori perchè è un giocatore fondamentale per la Juventus, perchè alza il livello tecnico della squadra. Quindi vedrò tra oggi e domani. Per quanto riguarda le critiche… no, credo che da parte mia, rivedendo la partita, credo che la squadra abbia giocato con buona personalità, in un campo dove non era semplice giocare. Purtroppo era una partita sicuramente non bellissima, molto tattica, dove chi sbagliava perdeva. Abbiamo sbagliato noi nel’episodio del gol subito e siamo usciti sconfitti. Però direi che abbiamo affrontato l’Atletico Madrid con buona personalità e soprattutto senza timore reverenziale, contro una squadra che – ripeto – ha vinto la Liga, che aveva quasi vinto la Champions, quindi non era facile. Direi che a un certo punto, dopo la parata di Buffon con i piedi, sembrava una partita incanalata sullo 0-0. I ragazzi sono stati molto bravi.

La sconfitta con l’Atletico?

Una partita non decide la stagione, vale per la champions e per il campionato. Una partita non può precludere il raggiungimento degli obiettivi stagionali

Ma si può dire che è la sesta giornata più difficile che ha mai affrontato?

Non ricordo quelle degli altri campionati, ma si tratta di una partita importante contro una Roma che ha acquisito consapevolezza dei propri mezzi. Ma battere la Juve è sempre molto difficile.

Il gap tra Roma e Juve?

La Roma ha fatto un ottimo mercato, ma così ha fatto la Juve. La Roma ha margini di crescita, alla fine del campionato vedremo quale tra le due sarà la più forte.

Chi arriva meglio psicologicamente? Caceres e Morata recuperati?

Ci arrivano alla pari, non è che una partita a Madrid, giocata non male tatticamente anche se potevamo fare meglio, non può cambiare il valore della squadra.  Arrabbiati dopo la sconfitta? No, dobbiamo essere concentrati sulla Roma e fare meglio a livello tecnico.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom