La Squadra

Conferenza Stampa, GARCIA: "A Udine saremo una squadra differente e giocheremo anche per il Capitano. I sostituti sono pronti a subentrare" (FOTO)

condividi su facebook condividi su twitter Di: Vincenzo Nastasi 25-10-2013 - Ore 19:02

|
Conferenza Stampa, GARCIA:

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia incontra la stampa alla vigilia di Udinese-Roma. Ecco le sue parole:

Domenica sarete senza Totti e Gervinho. In campionato però abbiamo già visto una Roma senza di loro. La squadra con cui ha finito contro il Napoli sarà quella di Udine?
Per la formazione aspetteremo. Abbiamo perso il nostro migliore giocatore per un po'. Non è una buona notizia  ma abbiamo dimostrato che siamo un gruppo. Saremo una squadra diversa ma spero forte.

Sfrutterete le caratteristiche di Borriello e Ljajic?
Abbiamo dimostrato che sappiamo fare cose differenti. Sappiamo che giocare a Udine è difficile, però abbiamo soluzioni per mettere in campo la squadra migliore. La squadra andrà in campo per vincere come sempre.

I record che state macinando la lasciano indifferente o le danno motivazione?
Semplicemente siamo concentrati su questa partita. Non pensiamo al ricordo di quanto fatto, perché l'importante è essere concentrati sul nostro gioco e sulle forze dell'Udinese. Speriamo di fare la miglior partita possibile e di tornare a Roma con dei punti.

E' un problema non avere Totti e Gervinho?
Per me non è un problema, ma speriamo che non duri troppo. Spero che la squadra giochi anche per il capitano e che saremo più uniti. Si dice che la natura odia il vuoto: quando non c'è uno, c'è posto per un altro.

Si aspetta una partita diversa da parte dell'Udinese?
Dovreste chiederlo a Guidolin. Loro sono una squadra forte, soprattutto sulle ripartenze per Di Natale. Noi dovremo essere bravi a fare il nostro gioco.

Un discorso a parte forse lo merita Gervinho. Temi che la sua assenza limiti la scelta durante la partita?
Questo sì. Sicuramente, come Francesco, non è ancora al 100%. Spero che avremo domani una buona risposta su di lui. Se non dovesse giocare Gervinho, avremo Ricci e Caprari, che hanno qualità per entrare ed essere decisivi. Mi fido di loro due senza problemi.

C'è un problema riguardo la voglia e la testa di Ljajic?
Io penso sempre alla partita che stiamo vivendo. Ci sono diverse cose che possono farmi fare una scelta: la stanchezza, una scelta tattica. Adem ha avuto problemi dall'inizio della stagione. Parlo di problemi fisici. E' per questo che non abbiamo preso rischi con lui in certe partite. Lui è un giocatore di grande talento, può fare la differenza e noi abbiamo bisogno di giocatori decisivi. Lui sa che deve lavorare su diversi piani ma è ancora giovane. Adesso è al 100%.

Ha detto che Pjanic può giocare in attacco. Non è un rischio spostarlo dal centrocampo?
Io so che non possiamo giocare 38 partite con la stessa squadra. Abbiamo diverse possibilità di schierare giocatori sia in attacco che a centrocampo. Se ci troviamo nella necessità di schierare un attaccante e abbiamo un valido sostituto a centrocampo, lo faremo.

Come funziona la scelta del rigorista?
Di solito c'è una lista di tre giocatori e se il primo non è in campo, calcia il secondo. Poi sul campo, può capitare che il giocatore designato lasci il rigore a un altro. Se ci sarà un rigore, vedremo domenica cosa succederà.

E' soddisfatto che abbiate venduto Lamela e non Pjanic?
Non mi fate questa domanda: il mercato è chiuso. Tutti i calciatori della mia rosa sono importanti e Miralem è uno di loro. Ora vedremo se la rosa è sufficientemente ampia. Per fare una stagione migliore, dobbiamo anche essere fortunati e non avere infortuni lunghi. Per il momento aspettiamo il rientro di Totti e Gervinho, ma gli altri sono pronti. In questa settimana di allenamento non è cambiato nulla".

Esiste in questa Roma un giocatore che per caratteristiche può fare il vice Totti?
Nessuno puà fare quello che fa Francesco perché è unico. Se gioca Borriello, possiamo cambiare modo di giocare, ma anche se giocano gli altri abbiamo possibilità di dare più profondità. Sia Pjanic che Ljajic possono fare qualcosa di simile.

Il Napoli, nel secondo tempo di venerdì, ha tirato solo due volte in porta. Forse è meglio che abbiate perso qualcuno in attacco e non in difesa...
Io preferisco non perdere nessuno. Se abbiamo delle assenza, abbiamo le soluzioni. Ad esempio Burdisso è uno che si allena benissimo. Io voglio sempre che chi entra stia bene fisicamente.

Anche lei ha un premio scudetto?
Questa è una cosa economica, meglio domandarlo al presidente. E' semplice: ogni anno c'è un premio scudetto. E' sempre uguale e credo sia lo stesso anche per le altre squadre. I contratti dei giocatori hanno sempre una parte variabile.

Le prossime quattro gare, che sono abbordabili, possono essere decisive per capire dove arrivare?
Quando io il calendario, non faccio mai tabelle o previsioni perché possiamo vincere una partita dura in trasferta e perdere punti contro una squadra più piccola. Per me tutte le partite sono difficili da vincere. Giocare una partita è sempre difficile: dipende dall'avversario e da noi. Una partita la valuto, due sono già troppe.

Applicherà un po' di turnover visto che avrete tre gare in sette partite?
Io non penso alla partita di giovedì in casa o alla partita di domenica a Torino. Quando si fanno questi ragionamenti, di solito ci si sbaglia, quindi penso gara per gara e quando avremo finito a Udine penserò al Chievo.

Fonte: Dal nostro inviato a Trigoria - Vincenzo Nastasi

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom