La Squadra

Conferenza Stampa, GARCIA: "Dobbiamo provare a vincere domani. Gervinho e Strootman non sono al top, ma Ljajic è pronto" (FOTO)

condividi su facebook condividi su twitter Di: Vincenzo Nastasi 17-10-2013 - Ore 20:00

|
Conferenza Stampa, GARCIA:

Il tecnico giallorosso Rudi Garcia incontra i giornalisti in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Napoli. Ecco le sue parole:

Cosa significa per lei Benitez?
E' un esempio. Ha vinto tanto e tanti trofei. E' un allenatore bravo e intelligente ed è un piacere poter parlare con lui prima e dopo la partita.

Strootman è recuperato? Rischiate con Dodò al posto di Balzaretti?
Sapete come funziona: scelgo domani la formazione però ho la scelta a sinistra e a destra. C'è anche la possibilità di abbassare Marquinho o un giovane come Romagnoli. Tutti quelli che sono entrati, compreso Dodò, hanno fatto bene. Quindi è importante il livello della squadra.

Una settimana abbondante con le nazionali e tanti complimenti per la Roma. Tutto questo può essere un pericolo?
Spero che i complimenti siano di attualità anche dopo la partita. Purtroppo non abbiamo avuto tutta la rosa a disposizione per lavorare sulla partita.
Kevin ha un piccolo problema, con un tallone dolorante, e anche Gervinho non è al top. Ma abbiamo ancora domani per scegliere. Ma gli altri sono pronti. Adem ad esempio ha fatto una settimana al top. Preferisco avere una scelta difficile, che non avere scelta.

Che partita sarà?
Sarà una grande partita. Cercheremo di fare l'exploit domani, ma non dimentico che il Napoli è una squadra costruita per vincere lo scudetto. Quindi loro sono i favoriti.

Roma-Napoli si può anche pareggiare?
Noi giochiamo tutte le partite per vincerle. Poi dipende dalle partite. Se domani avremo la possibilità di vincere, dovremo provare a farlo. Se invece non ci sarà questa possibilità, allora dovremo adattarci. Non dobbiamo pensare alla classifica ma solo pensare a giocare bene.

In Italia erano tutti convinti di avere i migliori allenatori...
Domani sarà Roma-Napoli, non Garcia contro Benitez. Quindi può essere anche una casualità.

E' scaramantico? Sa che nessuna squadra italiana ha mai fallito la vittoria finale del campionato, dopo otto partite vinte di seguito?
E' una domanda per parlare di scudetto. Io però guardo giorno dopo giorno, perché se guardo agli altri campionati, vedo che molte squadre fanno bene ma poi si perdono. Per ora Napoli e Juventus sono le favorite per lo scudetto.

Dalle nazionali sono tornati giocatori che hanno raggiunto un obiettivo. Possono essere appagati?
Non credo, anzi sono dell'idea che ciò possa aiutarli per essere ancora più motivati.

Fino ad oggi lei ha gestito sempre situazioni di entusiasmo. E' preoccupato da una possibile sconfitta?
No, perché tutte le partite iniziano da 0-0. Domani vedremo. Secondo me siamo due belle squadre e sarà una gran partita.

Lei cosa pensa di Dodò?
Il suo problema è che ha avuto un infortunio importante. Ciò che conta per lui è lavorare continuativamente. Lo vedo cambiare dal punto di vista fisico. Lui ha un talento sicuro e per il futuro sarà un terzino "moderno". Mi sembra che l'infortunio lo abbia fatto maturare. E' un buon giocatore e mi piace come ragazzo.

Prima del derby ha detto che avreste giocato col cuore. Come giocherete domani?
Con tutto: col cuore, la testa e la voglia. Oggi i calciatori si sono allenati con grande entusiasmo. Questa pausa può darci uno svantaggio perché è passato molto tempo dalla sfida con l'Inter. Quindi oggi abbiamo affrontato la giornata come se avessimo giocato ieri contro l'Inter.

Voi giocate molto in contropiede. Siete in grado di cambiare atteggiamento durante la gara?
A Milano abbiamo dimostrato che possiamo fare diverse cose, non sono preoccupato. Possiamo andare veloce, ma anche tenere il pallone. Per il momento siamo forti sul piano difensivo e abbiamo un'arma in più per noi. Il Napoli ha tanti talenti in attacco, ha un buon equilibrio e un portiere che sa giocare coi piedi. Anche a loro piace avere la palla, ma credo che sarà importante vedere come ci comporteremo entrambi. Per me c'è sempre un momento in una gara in cui c'è la possibilità di vincere e questo momento dobbiamo sfruttarlo. Può essere anche un secondo, ma dobbiamo essere concentrati e la testa sarà importante.

Vi sfavorisce giocare domani?
Non dimentico che per loro martedì c'è una gara importante contro il Marsiglia, dove non possono andare male. Però è la prossima gara. Sono sicuro che domani giocheranno comunque al massimo.

Chi teme di più del Napoli?
Io sono concentrato sulla mia squadra. Se giochiamo bene e facciamo il nostro gioco avremo più possibilità di vincere. Comunque mi preoccupano tutti.

Finora siete stati perfetti. In cosa potere migliorare?
Una squadra perfetta non esiste. Per il momento andiamo veloce, ma non dobbiamo dimenticare di mettere benzina. Per il momento abbiamo incontrato tutti semafori verdi e dobbiamo fare il massimo per farli rimanere così.

Cosa ha capito studiando il Napoli?
Che sanno fare tutto, ma vincendo otterremmo una vittoria ancora più importante.

E' merito più suo o della squadra questo momento?
Di tutti. De Rossi? Non era normale che giocasse meglio in nazionale che nel suo club, ma ci hanno aiutato molto anche i nuovi arrivi.

Fonte: Dal nostro inviato a Trigoria - Vincenzo Nastasi

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom