La Squadra

Darcy Norman, top player e self-made man della nuova Roma

condividi su facebook condividi su twitter Di: Davide Aprilini 10-07-2015 - Ore 15:25

|
Darcy Norman, top player e self-made man della nuova Roma

In attesa degli svilluppi provenienti dal calciomercato, la Roma ha già trovato il suo 'Top Player': Darcy Norman. A Pinzolo ci ha messo veramente poco per entrare nella mente della squadra e nei cuori dei tifosi. Si è già parlato molto, attraverso i vari organi di stampa, di "Norman Show". In tutta risposta, nella conferenza stampa tenuta a Pinzolo, ha sottolineato come non è un lavoro di un singolo, ma deve essere un "Roma Show". Ma per lui riflettori, affetto e successo non sono certo una novità.

FORMAZIONE E RISULTATI - Basti pensare che dopo essersi laureato a Washington in Biologia e Chinesiologia e dopo una breve carriera da sciatore, ha dato vita a Seattle una società di consulenza per il fitness. Sin qui nulla di particolarmente eclatante, ma la testimonianza di gavetta e professionalità sin dal principio rendono l'idea di un personaggio che ha ottenuto il successo solo attraverso costanza, ritmo e sacrificio. La sua carriera assume un'esperienza più vasta con un salto di qualità attraverso esperienze come Triathlon e Ciclismo. Oltre a ciò si aggiungono preparazioni di alto livello, e che completano la sua figura professionale, in preparazione medica e fisioterapia. La vera svolta, però, arriva dal mondo del calcio. Nella stagione calcistica 2004/2005 inizia a lavorare con il Bayern Monaco, all'epoca guidato da Felix Magath. L'aiuto della sua preparazione atletica spinge il Bayern a conquistare la Bundesliga, la DFB Pokal e la DFB Ligapokal. In Champions League si ferma ai Quarti di Finale. In quel Bayern Monaco c'era ancora Oliver Kahn, Lucio, Roy Makaay, Sagnol, Ballack e il giovane Bastian Schweinsteiger. Darcy Norman acquista fama e considerazione in tutto il calcio tedesco. Tanto che gli viene affidata la preparazione atletica della nazionale tedesca nel 2014. Anno in cui la Germania si è laureata per la quarta volta campione del mondo.

METODO E FILOSOFIA - In un'intervista rilasciata a Uefa.com, Darcy Norman spiega il lavoro di una preparazione di successo: "Concentrarsi sull'atteggiamento mentale, sul movimento, sulla nutrizione e sul recupero, tutto si basa su questi quattro concetti" – aggiunge poi – "è fondamentale la fase iniziale di valutazione, confrontare i vari test iniziali per capire le qualità singole dei giocatori e le loro necessità". La difficoltà della stagione di un club europeo come la Roma sono le molte partite da disputare, tra amichevole, campionato e coppe si superano le 60 partite in un anno, ma come prepararsi? Darcy Norman ha una risposta semplice, ma non banale: "Bisogna dare ad ogni giocatore un programma finale, i giocatori devono rispettare tutte le tappe fino alla partita successiva, recupero che inizia già dal post gara. Alimentarsi nel modo corretto e rispettare le procedure". Il metodo Norman parla di "ritmi da mantenere", ritmo e condizioni che alla Roma della passata stagione sono mancate. La sua filosofia è altrettanto semplice e diretta, i giocatori della Roma sono avvertiti, da un personaggio che già dal 2014 ha ben chiaro i fondamenti per ottenere risultati: "Ci sono molti metodi, ma di principi ce ne sono pochi. Ogni persona deve rispettare i principi utili, chi non li rispetta avrà problemi. E' importante il principio, non l'azione in se. Un quadro generale che ti porterà a raggiungere l'obiettivo".  

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom