La Squadra

(Editoriale) Spalletti come Al Pacino: "Roma, facciamo i padroni, puoi decidere il tuo destino"

condividi su facebook condividi su twitter Di: Francesca Ceci 23-08-2016 - Ore 13:34

|
(Editoriale) Spalletti come Al Pacino:

(Francesca Ceci) "Non è la partita che aspetta noi, ma il contrario. È lei, è tutto per noi, ci può dare le chiavi per salire sul palcoscenico più importante d'Europa".

E' solo uno stralcio delle dichiarazioni di mister Spalletti alla vigilia della gara al cardiopalma di questa sera all'Olimpico e alzi la mano a chi ieri, ascoltando la carica e la grinta del tecnico di Certaldo, non è tornato in mente il monologo di Al Pacino reso celebre dal film cult Ogni Maledetta Domenica. 

La strategia è  chiara: "Cercheremo di vincere subito, senza aspettarli. Domani non ci affideremo al destino, saremo noi a determinare quello che sarà il nostro destino".

PERICOLO PORTO -  Il Porto si affiderà, è il caso di dirlo, all' Espirito Santo - Nuno - (un cognome, una garanzia), scenderà in campo per tentare di ribaltare il risultato dell'andata e venderà cara la pelle:   «Siamo una squadra che non si arrende mai. E siamo venuti qui per vincere e qualificarci ai gironi» 

Squadra solida ma senza grandi stelle,  Nuno Espirito Santo recupera sia Alex Telles sia Evandro, anche se dei due solo il brasiliano sembra poter avere chances di essere della partita. 

UN PORTO DA CHAMPIONS - I Dragoni giocano nella massima competizione europea ininterrottamente dal 2003-2004, l'anno dell'exploit targato Josè Mourinho, capace di portare il club sul tetto d'Europa.

A centrocampo occhio al terzetto biancoblu composto da Herrera, mezzala votata all'inserimento in attacco,  colonna della nazionale messicana, trasferito dal Pachuca al Porto nel l'estate 2013, Danilo Pereira che si è messo in luce agli ultimi Europei facendo da pilastro davanti alla difesa del Portogallo e André André  acquistato l'anno scorso dal Vitoria Guimaraes che si è subito ritagliato un posto nell'undici titolare totalizzando 37 presenze e 5 reti nella scorsa stagione.

ROMA SENZA PAURA - I giallorossi sanno che l'appuntamento di stasera all'Olimpico contro il Porto è lo snodo cruciale di tutta la stagione. La qualificazione in Champions League porterebbe nelle case della società 30 milioni abbondanti, più gli incassi al botteghino e i bonus per i risultati senza contare che Sabatini potrebbe provare ad accontentare le richieste di Spalletti portando a Trigoria quel centrocampista centrale che farebbe dimenticare alla piazza la partenza di Pjanic: un nome su tutti Borja Valero.

PROBABILE FORMAZIONE - Manolas ha recuperato dal problema all’adduttore, non saranno del match Florenzi e lo squalificato Vermaelen. Tra i pali Szczesny sembra averla spuntata sul rivale Allison, linea difensiva a 4 composta da Bruno Peres, Manolas, Juan Jesus e Emerson; l’alternativa potrebbe essere schierare Fazio centrale con l’ex Inter a sinistra. In mezzo al campo Strootman e De Rossi, quindi Salah, Nainggolan e Perotti a supporto di Dzeko.

All'Olimpico si riparte dall' 1-1 di Oporto, sugli spalti saranno più di 35 mila i tifosi che inciteranno gli uomini di Spalletti per non vanificare l'importante risultato in terra lusitana. Dentro o fuori. 

Spalletti versione Al Pacino lo sa bene: questa notte è la nostra maledetta domenica pure se viene di martedì.  Poco importa il giorno "si può vincere o perdere. l'importante è vincere o perdere da uomini". 

 

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom