La Squadra

Flash Interview | Garcia: "Una partita da Dr Jekyll e Mr Hyde" Rudiger: "Volevo la vittoria. Dobbiamo seguire Totti"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 09-01-2016 - Ore 23:47

|
Flash Interview | Garcia:

Direttamente dalla sala stampa dello "Stadio Olimpico" di Roma, tutte le interviste, le news e le curiosità della partita di campionato, l'ultima del girone d'andata, tra la Roma ed il Milan.

POST MATCH 

RUDIGER ROMA TV: “L'emozione per il primo gol?  E' stato un grande momento. Volevo vincere la partita perché sono un uomo di squadra, mi dispiace che non abbiamo portato a casa il risultato Cosa è successo nel secondo tempo? Non saprei dare delle risposte. Di sicuro tutto dobbiamo dare di più. Paura? Non so se sia una questione di paura, credo più di una mancanza di fiducia e dobbiamo lavorare tutti insieme per migliorare. Perché avete smesso di giocare a calcio nella ripresa? Come ho detto è anche una questione di comunicazione, dobbiamo parlare di più anche se già lo facciamo. C'è bisogno di leader e il ritorno del capitano è stato importante. Voleva sempre la palla, dobbiamo seguire lui”.

GARCIA SKY SPORT: Una partita a due facce? Siamo stati Dr Jekyll e Me Hyde questa sera. Nel primo tempo meritavamo di vincere, nel secondo di perdere. Non può succedere una prestazione così, la luce si è spenta. Dobbiamo farci qualche domanda e correggerci. Non mi aspettavo un secondo tempo così. Reazione? La squadra si vede che lotta, ma la difesa va troppo indietro e gli attaccanti rimangono davanti. Il centrocampo rimane solitario e così eravamo spaccati. Il baricentro si è abbassato e noi non avevamo più le gambe. C’è stata poca lucidità, abbiamo sbagliato troppi passaggi. Allenamenti? Non è solo questo problema, è un difetto tattico e tecnico. Non si possono regalare palloni così. E’ un problema sotto molti punti di vista. Abbiamo però tempo prima di Verona di riordinarci. Dobbiamo mostrare molta più continuità di ora. Futuro? Io do sempre il meglio di me per questa squadra. La Roma ha giocato benissimo fino a novembre, poi non è stata più continua. Io sono convinto che possiamo e dobbiamo migliorare. Il gruppo? Danno sempre tutto, ma a volte manchiamo di mentalità. Dobbiamo gestire meglio il vantaggio. Soffrire ma vincere. Speravo che oggi andasse così, ma purtroppo non abbiamo vinto. Rassegnazione? No, perché altrimenti avremmo perso il match. Ci sono momenti in cui stai bene, ma abbiamo molti difetti. Serve aiutare di più i compagni e avere maggiore determinazione e concentrazione”. 

 

PRE MATCH

BALDISSONI PREMIUM: 

Quest’aria intorno alla Roma può caricare di più o rischia di essere solo negativa?

 

La negatività non è mai utile, ci serve positività per fare imprese e risultati, ma ci aspettiamo che questa sia un motivo in più per far ritrovare ai giocatori il loro livello. "Rischiatutto" o "Si salvi chi può"? Non sono d'accordo, figuriamoci. Non viviamo di ultime spiagge ma di programmazione, se le cose non vanno come vogliamo cerchiamo di analizzare i motivi e trovare le soluzioni

 

Non dipende da stasera il futuro di Garcia?

 

Lo diciamo ogni partita, i risultati condizionano le scelte relative a tutti, ma non possiamo limitarci a una sola partita, sarebbe riduttivo. Dobbiamo vedere il lavoro complessivo. Ci preoccupa di più la fragilità che la squadra mostra, come nell’ultima partita a Verona. Si è fatto bene nonostante le tante assenze ma non si è riusciti a portare a casa il risultato. La squadra mostra incertezza e poca prepotenza, rispetto alle qualità che può esprimere.

 

Si è letto molto di El Shaarawy e Perotti, sono piste percorribili? Potrebbero arrivare entrambi? Adriano e Debuchy?

 

Non commentiamo il mercato, sicuramente c’è qualcosa che stiamo esaminando tra questi nomi. La Roma è una squadra già forte ma se c’è la possibilità di migliorarci la coglieremo. Un solo esterno offensivo? No comment.

 

PJANIC SKY: Motivazioni in più per la panchina di Garcia? Io sono solo un giocatore, questo non mi riguarda. Faremo il massimo per fare quello che ci chiede il mister sul campo. Il campionato è ancora lungo, i giochi non sono chiusi. La squadra farà il possibile per arrivare ai primi posti, il resto non riguarda noi ma la società.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom