La Squadra

GARCIA: "A Parma per vincere. Infortuni? Abbiamo costruito una rosa ampia anche per questo"

condividi su facebook condividi su twitter Di: Lorenzo Imperiale 23-09-2014 - Ore 21:55

|
GARCIA:

Primo turno infrasettimanale della stagione e la Roma di Rudi Garcia è attesa al Tardini contro il Parma dell'ex Cassano. Quattro vittorie su quattro tra campionato e Champions e la Roma sembra volare insieme alla Juve in una lotta a due per lo scudetto, lotta che passa appunto anche da Parma trasferta insidiosa e per niente semplice. Come di consueto il tecnico Garcia incontra i giornalisti alla vigilia della partita, queste le sue parole in conferenza stampa:

Quali sono le insidie maggiori della trasferta contro l Parma?

"E' una squadra che gioca sempre bene a pallone che ha fatto tanti gol e che ne ha presi anche tanti, è una gara che affronteremo come il solito andiamo lì per vincere anche se è sempre difficile".

Paredes sarebbe pronto a scendere in campo dal primo minuto visti anche gli infortuni?

"Leandro è pronto è migliorato tanto ed è al livello degli altri".

Otto infortunati con De Rossi. Le era mai successo di cominciare così, con tanti giocatori indisponibili?

"Non so se è già successo ma è per questo che abbiamo costruito una rosa ampia. Quando si fa male uno, due dopo c'è la sfortuna di un terzo un quarto".

C'è un giocatore che le ha giocate tutte insieme a De Sanctis, ovvero Nainggolan. Giocherà anche domani?

"Per il momento tutti i giocatori sono ok e pronti per giocare domani anche Radja. Abbiamo avuto la fortuna di giocare ogni 4 giorni e non ogni 3 giorni. Prendo sempre in considerazione la forma dei giocatori, sta bene fuori e in campo devono fare di tutto per essere pronti e preparati in vista delle partita ogni tre giorni".

Come cambia l’assetto tattico della Roma senza la copertura di De Rossi? E’ rassicurato dalla parole di Pallotta su Strootman?

Sulla second aparte, sono io il primo a dire che il primo mercato da fare è tenere i giocatori migliori. Per il resto, abbiamo costruito il centrocmapo per avere 2 giocatori per ruolo. Keita ha giocato in quel ruolo alla grande, peccato per Daniele ma lo aspetteremo dopo la sosta, per non prendere rischi con lui. Abbiamo ancora soluzioni a centrocampo, finchè non ci sono altri infortunati.

Dove è migliorata la squadra?

Abbiamo un anno di vita comune in più e anche un anno di campionato e di partite insieme. Vuol dire che ognuno migliora, anche questa rosa che ha mostrato tanta maturità nell’ultima partita con il Cagliari: dopo un grande inizio ha gestito al meglio, una grande prova di maturità. Ma dobbiamo concentrarci sulla prossima partita. Dobbiamo mettere ogni volta gli stessi ingredienti in campo e a Parma sarà lo stesso. La gara deve mostrare una grande voglia di vincere, come ha fatto da inizio stagione.

Cosa chiede a Ljajic?

Dal primo giorno Ljajic ha lavorato meglio di tutti gli altri. Dopo abbiamo iniziato le partite, ha giocato anche da titolare. Per me non ci sono problemi, è un giocatore importante, non abbiamo un profilo come il suo in rosa. Abbiamo la possibilità di mettere in campo un giocatore che può essere devastante, conto molto su di lui, mi aspetto che tutti si rendano conto che può essere un giocatore di livello. Ha la mia fiducia al 200%

Come un momento decisivo, viste le sfide con Juve e City? Prima, parlando della vita privata dei giocatori, si riferiva a qualocsa in particolare?

A nulla, mi riferivo al fatto che giochiamo ogni 3 giorni e serve essere attenti. Per i giovani è importante dare consigli, su questo punto niente di più. Ora non può essere un momento decisivo, siamo concentrati già sul Parma e già sarà difficile. Andiamo avanti così, non penso sia un male gestire le partite così, non serve fare calcoli.

Ha parlato con Destro? Chiarita la situazione dopo la sostituzione?

L’ho fatto, quello che si dice tra me e il gruppo riguarda solo lo spogliatoio.

Si dice che la Roma non abbia ancora affrontato avversari forti. E’ così o no?

Il vostro avviso? La Fiorentina è una squadra forte, dopo lo dico ancora: in campionato nessuna partita è facile, sono sempre difficili per diversi motivi. La forza dell’avversario, che c’è sempre, e il momento in cui giochiamo e altri parametri da gestire. Se una partita sembra facile è solo perché siamo stati bravi a renderla facile. Dopo con la gestione della gara è anche possibile non subire troppo. Alla fine quello che conta è vincere, abbiamo tante ambizioni, ogni partita facciamo di tutto per i 3 punti.

Tra una settimana arriva il City, come sta Iturbe? Si auspica un suo recupero per il City?

Manuel ha corso ieri, ha avuto un problema muscolare e dobbiamo essere attenti a non mettere in campo giocatori non pronti. Manuel ha voglia di tornare, ma io devo mettere in campo giocatori al 100%. Per Castan è lo stesso. Dopo valutiamo giorno dopo giorno. Soprattutto con un giovane che non ha esperienze di infortuni muscolari è ancora più pericoloso. Saremo attenti a non prendere rischi.

Con l’assenza di De Rossi, è difficile pensare a Totti e Destro insieme? La situazione di Holebas?

Se ho sentito bene, Holebas è pronto. E’ arrivato per il problema di Balzaretti. Abbiamo visto Emanuelson in campo domenica e mi fa piacere. Josè è pronto, per fortuna ho alcune scelte da fare in altri reparti. Anche davanti, Mattia non ha potuto segnare tanti gol lo scorso anno, non era possibile farli giocare tanto insieme. E’ più che un vantaggio, vuol dire avere la possibilità di schierare il tridente migliore.

DAL NOSTRO INVIATO A TRIGORIA AMADIO LORENZO

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom