La Squadra

Il dream team di Seydou Keita

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-04-2016 - Ore 15:26

|
Il dream team di Seydou Keita

Seydou Keita, due stagioni in giallorosso e un palmares che vanta anche due Champions League con il Barcellona, schiera per asroma.it il suo undici dei sogni. Ecco a voi la squadra ideale messa in campo dal centrocampista maliano.

Victor Valdes
"Con lui ho giocato quattro anni e posso solo dire che è un grande portiere. È davvero forte con i piedi e ha un rendimento sempre altissimo. Uno dei migliori nel suo ruolo, senza dubbio".

Dani Alves
"Appena arrivato in Spagna dalla Francia, ho giocato un anno con lui al Siviglia: è un autentico fenomeno, terzino destro e bravo a svariare su tutta la fascia. Saliva a centrocampo, in attacco, sapeva segnare gol. In assoluto è uno dei più forti calciatori con cui abbia giocato".

Franco Baresi
"Quando ero piccolo c’era il grande Milan e lui emergeva per la sua eleganza. Un difensore centrale che sapeva giocare la palla, molto intelligente. Davvero forte, uno dei maggiori interpreti del suo ruolo".

Paolo Maldini
"Un calciatore che gioca fino a 40 anni militando sempre nella stessa squadra, che è partito terzino e poi si è convertito in centrale, non è altro che una forza della natura e ha tutto il mio rispetto".

Eric Abidal
"Parliamo di un esempio di lotta nella vita, ha avuto due malattie gravi e le ha superate con la sua forza di volontà. È tornato a giocare a grandi livelli: Barcellona, Monaco e Olympiacos. Cos’altro dire? Un fenomeno e un esempio, come calciatore e come uomo. La dimostrazione che per andare avanti bisogna lottare".

Abedi Pelè
"Il mio idolo d’infanzia, quando ho iniziato a seguire il calcio, in particolare quello africano, era il migliore calciatore dei miei connazionali del momento. Mancino come me: era il mio idolo. Sapeva fare tutto. Era il leader del suo Paese, della sua nazionale. All’epoca non guardavo molto il calcio europeo e lui era il mio idolo".

Zinedine Zidane
"L’incarnazione dell’eleganza, con il suo controllo di palla… Svariava a destra e a sinistra, era straordinario. Se ti piace il calcio, non può non piacerti Zidane".

Fernando Redondo
"Anche lui mancino, non velocissimo, ma vedeva le giocate prima degli altri. Mi ricordo un suo assist per Raul contro il Manchester United: una giocata sulla linea di fondo, un colpo di tacco per liberarsi di un avversario, incredibile. Non velocissimo, ma geniale con la palla al piede e, cosa più importante, svelto di testa. Un giocatore che mi piace molto".

Marco Van Basten
"Un goleador, ma allo stesso tempo un giocatore elegante. Ho sempre avuto un debole per i calciatori eleganti, che sanno trattare bene la palla, quelli che fanno la differenza. Mi ricordo ancora quel gol straordinario al volo contro la Russia…".

Lionel Messi
"Con Leo ho giocato quattro anni a Barcellona. Cinque Palloni d’Oro, non so quante Champions. Mi sono allenato con lui ogni giorno: era ed è un fenomeno. Il suo è un dono divino".

George Weah
"In una parola: idolo africano. Ha vinto il Pallone d’Oro e ha fatto qualcosa di straordinario perché in quel momento c’erano tantissimi grandi campioni: Zidane, Van Basten, Figo, Ronaldo… Oggi il duello è sostanzialmente ristretto a Ronaldo e Messi, ma ai suoi tempi era diverso. Un idolo per me e per tutto il continente africano".

Fonte: asroma.com

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom