La Squadra

LIVE TRIGORIA - CONFERENZA SPALLETTI: "Il pensiero è solo per domani e con me vengono tutti oggi"

condividi su facebook condividi su twitter Di: Chiara Barberis 11-02-2016 - Ore 14:00

|
LIVE TRIGORIA - CONFERENZA SPALLETTI:

Domani, venerdì 12 febbraio, alle ore 20.45 la Roma andrà a Modena, contro il Carpi. Oggi, dopo la seduta d'allenamento che ha visto Totti e Strootman in campo, Luciano Spalletti incontra i giornalisti nella Sala Stampa del centro tecnico "Fulvio Bernardini" di Trigoria

Ecco le parole del mister. 

Farà del turnover?

"Per ora penso a domani, ma lo terrò in considerazione"

Si affrontano le prime 4 della classifica..

"Le occasioni per noi sono quando scendiamo in campo. Se siamo una squadra di livello, dobbiamo farci trovare pronti nel presente. Se si pensa all'altra partita, tralasciando domani, si sbaglia".

Dzeko è pronto?

"Sì, gioca".

Chi è che non gioca davanti?

"Non lo dico".

Rudiger, Totti e De Rossi come stanno?

"Gyomber è fermo. Toro sta migliorando, ma ancora non fa parte del gruppo. De Rossi è ancora fermo, ma spero di averlo dopo la trasferta. Francesco si è allenato, ha fatto molto bene in allenamento, ieri aveva un problemino, ma poi si è scongiurato tutto, ma poi stamattina ha sentito la stessa fitta di ieri, quindi non partecipa alla trasferta. Rudiger c'è"

Ha migliorato la fase difensiva. Cinque giocatori offensivi possono coesistere?

"Dzeko, Perotti, Salah, Pjanic e El Shaarawy sì"

Sabatini le ha mai comunicato che vuole dare le dimissioni a luglio?

"Sono andato da lui a chiederglielo, è un’ipotesi perché bisogna competere ad alti livelli e lui ha detto che è giusto che si metta in discussione. Ma noi proseguiamo in questo pacchetto di partite. Ognuno ha le proprie responsabilità nella Roma. O si fanno risultati oppure tutti abbiamo fallito".

Nainggolan potrebbe andare di nuovo a centrocampo? Di Ucan cosa pensa?

"Sì, si può prendere in considerazione. Ucan è un calciatore splendido, un grande tecnico, un grande Pizarro, fa geometrie, prende e fa girare palla. Il nostro calcio ha bisogno anche d’altro, ma lo vedo propositivo, mi è sempre davanti perché è dentro le situazioni adesso".

Domani la più grande insidia può essere il calo mentale? Quale può essere quella del Carpi?

"La prima insidia è il coach, poi loro ti vengono addosso, o ti aspettano, ma ribaltano l’azione come nessuna altra squadra fa nel nostro Campionato. Ci siamo preparati, ma sono insidiosi. A Napoli hanno concesso pochissimo, ad esempio".

È destabilizzante il cambio da difesa a 3 a 4? Che movimenti chiede a Digne?

"Io parlo coi miei calciatori, mi complimento per come interpretano certe situazioni. I movimenti a 3 sono completamente diversi da quella a 4. Il vero passo in avanti è cambiare in base a come cambiano situazioni e interpretazioni. Simone Beccaccioli mi porta dei dati che devo tenere in considerazione: noi siamo andati solo sei volte in fuorigioco, poche, rispetto al rischio che corriamo. Il possesso palla è fine a se stesso se non mi evidenzi dove viene fatto".

DALLA NOSTRA INVIATA A TRIGORIA CHIARA BARBERIS

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom