La Squadra

LIVE TRIGORIA - CONFERENZA SPALLETTI: "Vincere per riprendere la nostra marcia naturale. Dzeko gioca"

condividi su facebook condividi su twitter Di: Chiara Barberis 12-03-2016 - Ore 13:30

|
LIVE TRIGORIA - CONFERENZA SPALLETTI:

Alla vigilia del match contro l'Udinese che si terrà domani alle 15, Luciano Spalletti incontra i giornalisti nella sala stampa del centro tecnico "Fulvio Bernardini" alle ore 12.30.

Ecco le parole del mister giallorosso in conferenza stampa.

Rudiger e Gyomber sono ancora infortunati. Oggi si valutano le condizioni di Pjanic. Radja, De Rossi non dovrebbero aver problemi. Manolas anche ieri si è allenato bene, ma oggi c'è bisogno di conferma. 

Quali sono le difficoltà contro l'Udinese?
Sono parecchie. Sono dei buoni calciatori, sono giovani e sono stati lanciati. Corrono, hanno qualità. Noi dobbiamo essere bravi, riproporre il nostro calcio e provare a vincere per riprendere la nostra marcia naturale. 

Dzeko come punta può essere una costante?

E' una cosa che si può usare con le altre, non una costante.

Come ha reagito Dzeko a Madrid?

Vorrei che lui venisse a pregarmi per avere la maglia. Posso fargli il più grande regalo, che è questo. Sono convinto dell'uomo, del calciatore. Farà vedere le sue qualità e saprà reagire.

Strootman come sta?

È in via di recupero, piano piano tornerà al 100%.

Cosa deve accadere o non deve, perché lei resti alla Roma?

Dobbiamo essere tutti concentrati per portare in fondo l’obiettivo. Di noi nessuno deve stare tranquillo, perché siamo in un processo di cambiamento e abbiamo ancora alti e bassi nei nostri comportamenti. Il nostro obiettivo lo dobbiamo assolutamente raggiungere.

C’è un problema di concentrazione, viste le palle perse? È aumentato anche il numero di palle recuperate, è un miglioramento?

Sono dati importanti. Le palle perse vanno diminuite. Dobbiamo toglierla agli avversari. Dobbiamo mordere di più, essere più cattivi, far sudare di più la riconquista della palla.

Zeman e la Sensi hanno parlato di una sua gestione strana.. Cosa vuol dire?

Non perdo tempo dietro questo. Sono in molti a guardare alla nostra situazione. Ognuno la pensa come vuole e dire quello che vuole, io non vado a rispondere a tutti. Nel mio ruolo posso avere possibilità di valutazione superiore. Sotto l’aspetto della gestione calcistica di questo momento per esempio per la gestione di Francesco.

Il Presidente è tornato. Come sono andati gli incontri tra voi e che garanzie per il futuro le ha dato?

Il nostro futuro è fare i 10 risultati nel modo giusto. Dobbiamo aver chiara la modalità di lavoro. può cambiare molto da questo. Tutto il resto ne segue. Abbiamo solo questo come obiettivo. Lui ha entusiasmo e non può fare altro se non trasferirci la sua voglia di fare. Per il resto non mi aspetto altro.

Contano più le risorse a disposizione o come gioca l’avversario?

La prima attenzione è sempre su noi stessi, sul nostro marchio. Si pensa a mettere in campo una forza che porti risultato.

Questo processo di cambiamento ha fatto sì che anche dopo Madrid qualcuno fosse soddisfatto. È più complicato il livello tattico o mentale?

Il livello mentale è più complicato. Ci deve essere il dispiacere del non risultato, non la consolazione dei complimenti che ci sarebbero stati dopo Madrid, perché la squadra ha fatto accadere delle cose buone. Fare i complimenti per le occasioni perse significa accusare chi ha sbagliato i gol. E' responsabile tutta la squadra. Sembrava che non eravamo pronti all'arrivo delle occasioni. Si ridà la maglia a Dzeko, perchè me l'avete preparata voi quella sua reazione, dicendo che non doveva giocare.

DALLA NOSTRA INVIATA A TRIGORIA CHIARA BARBERIS.

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom